RACCONTI EROTICI: Se mi fai bere mi trasformo!

Ciao a tutti, sono d….e, ho 26 anni e sono sposata dal 2008, mio marito e’ un bravo uomo ma ancora non mi conosce fino in fondo perche’ purtroppo per lui, non sa che quando esco con amici o amiche, mi piace bere e quando bevo divento una che non aspetta altro che essere scopata, Come settimana scorsa quando abbiamo organizzato una cena tra colleghi!!! Io lavoro in casa di riposo e diciamo che l’età media dei miei colleghi é abbastanza bassa, si aggirano tutti tra i 30 e i 40 anni, tranne giampaolo che ne ha quasi 50. Settimana scorsa abbiamo appunto organizzato una cena tra noi colleghi, ritrovo ore 19,30 per aperitivo, uno ,due, tre, già un pò brilla e soprattutto perché i miei colleghi “maschi” me lo chiesero, andai in macchina con loro, eravamo in 4 io Giampaolo, il 50enne, daniele e mirko, bei ragazzi ma non sicuramente i miei tipi. fatto sta che tra una battuta e un’altra, daniele, seduto dietro con me, mi mise una mano sulla gamba di nascosto, lo guardai e lo lasciai, lui subito ne approfitta a me la mette sempre piu’…..più su….piu su…mi lasciai toccare per bene e mi venne l’idea di avvicinarmi ai sedili davanti a parlare con gli altri, lui subito capì che avevo fatto apposta cosi mi poteva toccare il culo e vista la gonna nera ed elastica comoda da alzare da dietro, la alzo in 2 secondi, mi sposto’ il perizoma e comincio’ a ficcarmi le dita nella figa, alzai bene il culo cosi poteva entrare meglio!!! Intanto gli altri davanti continuavano a scherzare e a ridere all’insaputa di tutto, era una situazione troppo eccitante, cosi’ eccitante che senza fare apposta, ansimai! merda… Si girarono subito tutti e due a vedere che stava succedendo, e quel coglione di daniele senza problemi gli disse: ” questa é una porca ragazzi” e si mise a ridere, io feci l’offesa e gli diedi del testa di cazzo, solo che mirko, il passeggero davanti, si girò e vide la situazione. Che imbarazzo, ero in macchina con tre colleghi, ubriaca mentre uno mi sditalava per bene figa e culo!!! “ferma la macchina e accosta” disse mirko, io dissi di no ma niente da fare, erano gia’ caldi e vogliosi, accostò nel primo parcheggio e spense la macchina. ecco , era la fine, che fare? Niente, ero fregata, a me piace scopare, ma con tre mi sembrava veramente di esagerare! orrmai ero li, mi fecero scendere dalla macchina molto gentilmente, ma meno gentilmente mi girarono e mi sbatterono sul cofano della macchina. hanno cominciato ad offese, che troia, puttana etc, non che mi piacesse più di tanto, pero’ li decisi di lasciarmi andare una volta per tutte.

Non so chi per primo mi alzò la gonna toccandomi per bene il culo e cominciò a leccarmi tutto quello che c’era da leccare, ma so che cazzo grande aveva giampaolo quando mi prese la testa e se la portò al pisello, era violento, mi diede due schiaffi e me mise in bocca, scusate in gola, facevo fatica a respirare, ma mi piaceva, dietro gli altri intanto mi scopavano, prima uno dopo l’altro, ero in estasi, poi mi prendono in braccio uno alla volta e mi scopano ancora, ogni tanto mi danno un goccio di birra per non farmi passare la sbronza, praticamente passarono tutti i loro piselli in quasi tutti i buchi, si perche mancava solo il culo….passo di li in quel momento una macchina dei carabinieri e mi fecero montare di corsa in macchina, cominciai a rivestirmi ma quando andò via tornarono uno alla volta in macchina, il primo fu giampaolo il 50enne, monto’ dietro l, mi giro’ mi prese per il collo e mi disse” preparati”, ok gli dissi , mettimelo dove vuoi, e lo fece, mi sputo’ sul buco del culo, mi mise due dita e dopo mi apri’ totalmente il culo….faceva male, tanto male, le prime due spinte ho urlato, dopo basta, ero totalmente sua, mi venne in bocca, e cosi fecero anche gli altri, prima il culo e dopo costretta a bere…..scusami maritino, ma non ti prometto che non succerdera più……divino

Ultime ricerche