La cagna del liceo

inizio una nuova serie di racconti. I racconti saranno inseriti in varie categorie

Guardo l’ora sul cellulare semi nascosto sotto il libro, sono le 10.50. Alzo la mano per attrarre l’attenzione del prof in cattedra. Mi fa’ un segno con la testa.

“Posso andare in bagno?” Chiedo.

Non risponde nemmeno, mi fa’ solo un gesto con la mano. Mi alzo e velocemente esco dall’aula. il rumore delle mie nike sembra il frastuono di un concerto rock nel silenzio del corridoio.

Entro piano nel bagno riservato ai maschi e subito vedo appoggiato al muro di fronte a me Mattia. Ha già in mano la piccola gopro, ma non capisco se è accesa. Mi avvicino a lui per baciarlo ma lui mi ferma.

“Ragazzi anche oggi c’è Martina la più cagna del liceo Erasmo.”

Da quello che dice capisco che la telecamera è accesa. Continuo a avvicinarmi a lui fino quasi toccarlo. Sento la sua mano entrare nei miei jeans senza sbottonarli. La sua mano scende sul pube, fruga tra il tessuto del mio intimo fino a raggiungere la mia femminilità. Lo sento raspare sul mio clitoride senza nessun contegno. Lascio cadere la testa all’indietro, tento di godermi il momento, ma lui leva la mano.

“Ultima porta in fondo.” Mi dice.

Percorro lo stretto corridoio che c’è davanti a cessi con le porte fino all’ultima. Guardo all’interno, ci sono due ragazzi, li conosco solo di vista. Due spilungoni, uno biondino e l’altro moro con il viso devastato dall’acne, a terra c’è uno zainetto. E’ il biondino che mi spinge in ginocchi sullo zainetto.

“Oggi la nostra cagnetta se ne prende due.” Commenta Mattia.

I due spilungoni tirano fuori i loro cazzi e quasi me li sbattono in faccia. Sono veramente immensi. Non credo di aver mai maneggiato attrezzi così grossi in vita mia.

faccio quello che devo fare. Comincio dal glande del biondino, per poi tentare di ingoiarne il più possibile. Lui rimane fermo e mi lascia fare. Uso i denti, non mi sembra che si lamenti. Lo lascio per dedicarmi all’altro. Lui invece non sta fermo, anzi spinge e tenta di scoparmi la bocca. Faccio un po’ di resistenza e poi me lo tolgo di bocca. Gioco ancora un po’ con le due grosse cappelle, le strofino tra di loro. So che a molti ragazzi non piace e lo faccio apposta. Sento Il moro butterato sussultare, non gli è piaciuto.

“Siete pronti?” Chiede Mattia.

Sento la sua mano prendermi per i capelli e piegarmi la testa all’indietro. Come per istinto spalanco la bocca e tiro fuori la lingua. So cosa mi aspetta. Il primo a venire è il biondino una venuta non eccessiva ma assai liquida, subito dopo viene anche l’altro, uno schizzo molto denso che si mescola con quello del suo compare nella mia bocca. Guardo tra le ciglia e vedo Mattia piegarsi verso di me, e lo vedo far cadere uno spunto direttamente nella mia bocca. Vedo che mette via la telecamerina, apro gli occhi, mi giro verso il cesso che è dietro di me e sputo, sputo lo sperma di questi due sconosciuti e lo sputo del mio fidanzato.

Mi alzo e me ne torno in classe, non li saluto nemmeno.

Oggi è sabato si finisce alle 12.30. Aspetto fuori di scuola il mio fidanzato Mattia, gli vado in contro lo abbraccio e faccio per baciarlo. Un bacio alla francese, con la lingua. Lo sento scattare tra le mie braccia.

“Dopo quello che hai fatto con quella bocca? Mi dice.

Lo lascio andare, mi ha fatto incazzare. Torno a casa in motorino. A casa c’è solo il mio fratellino, oggi non è andato a scuola perché sta male. Mia madre è andata a fare la spesa e in farmacia.

“Hey come butta?” Gli chiedo.

“Sto male, ho la Febbre Marty.”

Mi avvicino a lui che è sotto lo coperte, faccio per dargli un bacio, sulla fronte come faceva la mamma con me. Mi avvicino ancora un po’ ma mi blocco.

“Dopo quello che ho fatto con questa bocca?”

Preparo la tavola, se arriva mio padre e mi trova a casa a far niente sono cazzi. A pranzo come al solito quasi non ci parliamo. Anzi si parla solo dei problemi di quella stracciapalle di mia sorella Maria.

Dopo mangiato me ne vado in camera mia, faccio un pisolino e per le diciotto sono pronta a partire. Sono vestita sportiva, jeans neri t-shirt bianca e nike silver. L’appuntamento è per le otto di sera al Mc vicino al centro. Mentre sono per strada verso il fast food sento che mi arrivano dei messaggi sul cellulare. Arrivo al luogo del mio incontro, metto il motorino sul cavalletto e leggo i messaggi. Sono decine. Sono foto oscene, foto di cazzi, messaggi che mi dicono che sono una cagna, che vogliono godere con me. C’è anche un link a un video, il mittente è Mattia, il video ha un nome inequivocabile: “la cagna del liceo Erasmo ne prende due.” Non ho il coraggio di guardarlo.

Entro al fast food e trovo le mie amiche. Anche loro hanno già visto il video. Sghignazzano anche loro.

Eccole li le mie amiche. C’è Romina, mia compagna di classe, c’è Melissa, la più figa di tutte, fisichino sottile, lunghi capelli castani e un viso da modella, e poi c’è Alice, è la più grande del gruppo, capelli castani con riflessi biondi e verdi, braccia e il decoltè tatuati.

Le battute si sprecano. So che anche loro a letto non sono da meno ma loro non sono sui video che girano sulla rete.

Non mi va di mangiare Bevo solo una coca zero e poi ci avviamo tutte verso la disco dove facciamo le ballerine.

Ultime ricerche