LA SPIAGGIA NUDISTA

Non era la prima volta che andavo a prendere un po’ di sole in questa nota spiaggia nudista in provincia di Pavia. In precedenza avevo notato solo singoli, generalmente gay in cerca di incontri, e, molto raramente, qualche coppia che però non sembravano essere interessati a incontri. Questa volta le cose sono andate diversamente… Il caldo era opprimente e sulla spiaggia eravamo veramente in pochi. La mia attenzione è stata subito attirata da una coppia, direi di una decina di anni più vecchia di me, l’unica presente, sdraiata alle mie spalle, che sembrava essere piuttosto biricchina. Mi sono sdraiato in modo da poterli vedere, in maniera molto discreta, e, nel momento in cui si sono accorti del mio interesse, hanno iniziato ad accarezzarsi, prima in maniera molto discreta, poi in maniera più esplicita. Il lui della coppia, abbrozantissimo, evidentemente un habituè delle spiagge nudiste, sembrava voler mettere in mostra le grazie intime della sua compagna, mentre lei molto delicatamente masturbava il cazzo semi molle di lui. Non mi sembrava vero, finalmente capitava anche a me un incontro fortuito dalle sfumature erotiche, incontro che avevo sognato da sempre!! Sono rimasto a guardarli per un po’, senza toccarmi e senza avvicinarmi, per non importunarli, ma la voglia era veramente tanta, avevo un’erezione che era difficile da nascondere. La cosa non deve essere sfuggita agli occhi della coppia infatti, dopo qualche minuto, la lei si è girata in posizione prona per prendere un po’ di sole, veramente implacabile ad Agosto, mentre lui si è diretto al fiume a rinfrescarsi. Sulla strada del ritorno ha fatto in modo di passare vicino a me e, dopo esserci salutati, abbiamo fatto due chiacchere. “ciao, che caldo oggi!” “mamma mia, c’è da morire! Se volete ho dell’acqua fresca nello zaino” “grazie, ma siamo qui dall’ora di pranzo e abbiamo da bere e angiare con noi.” “di dove siete? dall’accento non sembrate Pavesi” “siamo di Bergamo, d’estate veniamo spesso a prendere il sole qui” …insomma i soliti convenevoli tra nudisti 🙂 “ti è piaciuto lo spettacolo?” “cavolo si, molto, mi sarebbe piaciuto avvicinarmi, ma non ho osato” “Cosa ti piace fare?” “Mi piace giocare, con tutti e due” “Noi stiamo andando, purtroppo, poi qui siamo un po’ troppo in vista, magari ci possiamo fermare in macchina lungo la strada per uscire” “Va bene, vi seguo con la mia auto, volentieri” Ho aspettato che raccogliessero la loro roba, erano molto organizzati con ombrellone, borsa frigorifero, sedie, mentre io avevo solo una misera salvietta, per poi avviarmi anche io alla macchina per seguirli verso l’uscita, una strada sterrata che attraversa campi e boschetti di pioppi. Eravamo quasi arrivati alla fine della strada sterrata, onestamente avevo già dato per scontato che mi avessero bidonato, quando lui ferma la macchina sulla destra all’ombra di alcune piante, quindi mi fermo anche io, scendo dalla macchina e li raggiungo. “Piacere Antonio!” “Piacere Gianni!” Lei scende dalla macchina, è una donna formosa, ma non grassa, direi sui 45 anni, indossa solo un prendisole completamente slacciato sul davanti ed è completamente nuda sotto…lui si è rivestito con pantaloni corti e maglietta, mentre io sono con pantaloncino da bagno e maglietta. “Mia moglie, Laura!” “Piacere, Gianni!” “Ti piace mia moglie? Le ho detto che vuoi giocare con tutti e due.” “Mi piacerebbe molto” Lei si avvicina, senza parlare, e mi bacia in bocca! Non me lo aspettavo proprio, un bacio lingua in bocca, molto passionale, un bacio intimo che difficilmente condividi con uno sconosciuto “A mia moglie piace molto baciare in bocca, toccale le tette, hai visto che tette?” Non mi sembrava vero, mi sentivo trascinato in un vortice di trasgressione, avevo paura che qualcuno potesse vederci e, allo stesso tempo, avrei voluto fare di tutto con questa coppia appena incontrata. Ci stiamo ancora baciando, lingua in bocca, e, mentre le sto toccando le tette, sento la mano di lui che si infila nel costume da bagno… “Vediamo come sei messo” Sono eccitatissimo, non mi sembra vero, le mie fantasie più spinte si stanno avverando in una maniera del tutto imprevista e, proprio per questo, in maniera travolgente! Sono lingua in bocca con una perfetta sconosciuta, mentre le sto toccando le tette, e un altro perfetto sconosciuto mi sta masturbando…chissà cme sarebbe andata a finire se…una macchina non si fosse avvicinata e, non sapendo chi potesse essere, abbiamo preferito ricomporci alla svelta. Passata la macchina è passata anche l’eccitazione del momento, ma, per fortuna, ci siamo scambiati il numero di cellulare promettendoci di risentirci Infatti ci siamo risentiti e ci siamo incontrati…nel prossimo racconto 🙂

Ultime ricerche