"Troppi porno, non ricordo più nulla": i film hard danneggiano la memoria

Uno studio rivela che che guardare immagini pornografiche su internet può indebolire la nostra capacità di ricordare le cose. Secondo gli scienziati esiste un legame tra la dipendenza da sesso virtuale e la tendenza a dimenticare di dormire, perdere appuntamenti importanti e trascurare le relazioni personali  

 

 

"Troppi porno, non ricordo più nulla": i film hard danneggiano la memoria

LA PORNOGRAFIA di una volta è fatta di ricordi. Che portano a un’Italia che non c’è più. I video proibiti si consumavano a casa con le cassette VHS o aspettando la programmazione notturna di qualche emittente locale. Un passato in cui le pornodive erano soprattutto dive e qualcuna diventava anche parlamentare. Oggi le cose sono molto cambiate e si seguono ispirazioni decisamente più fredde, virtuali. La pornografia si diffonde per lo più tramite internet e il consumo è accessibile a tutti, in qualunque momento, da qualunque postazione, gratuitamente, con un click? Tanta facilità e tanta abbondanza hanno moltiplicato in modo esponenziale il numero degli utenti nel mondo, tanto che, secondo l’ultima indagine di ExtremeTech, il mercato del porno su internet è l’unico che non conosce crisi. Ma anche questo settore, a quanto pare, ha il suo tallone d’Achille.

Secondo una ricerca tedesca pubblicata sul “Journal of sex research”, il punto debole del consumo spasmodico di materiale pornografico tramite web è la memoria. Quella di chi consuma. Per capirlo gli scienziati hanno analizzato come l’area cerebrale deputata a immagazzinare informazioni reagisca alla visione di immagini sessuali, concludendo che guardare immagini porno su internet può danneggiare e indebolire la capacità di ricordare le cose? Nell’esperimento gli studiosi hanno preso un campione di maschi eterosessuali di 26 anni d’età, mostrando ad ognuno una serie di immagini, alcune pornografiche, altre non sessuali, e chiedendo loro di rispondere se l’immagine che stavano vedendo era la stessa che avevano visto prima. Il risultato è stato che ricordavano nell’80% dei casi le immagini non sessuali, contro il 67% di quelle porno, su cui facevano più fatica.?

Secondo gli scienziati questi dati servirebbero a provare il legame tra la dipendenza da pornografia virtuale e la tendenza a dimenticare di dormire, perdere appuntamenti importanti e trascurare le relazioni personali. “L’eccitazione sessuale  –  spiega Christian Laier dell’università di Duisburg-Essen, autore dello studio – e il suo impatto sui processi cognitivi potrebbe spiegare parte di questi effetti negativi”.? Laier e colleghi precisano che la ricerca si trova solo al primo step e che le conclusioni dovranno essere verificate e confrontate con ulteriori analisi, condotte su campioni diversi sia dal punto di vista del genere che dell’orientamento sessuale.

La notizia segue di pochi mesi un’altra altrettanto curiosa, questa volta partita dalla principale emittente televisiva statale cinese, la CCTV, che lo scorso maggio ha mandato in onda l’intervista ad uno studente che garantiva di aver visto un proprio collega perdere progressivamente la memoria a forza di guardare i porno online.

Ma i problemi per i pornonauti non sembrano finire qui. Secondo una ricerca dell’Università di Padova, tra i giovani che fanno un uso massiccio di pornografia in rete, uno su quattro rischia anche il calo del desiderio sessuale e l’eiaculazione precoce. “I ragazzi di oggi – spiega l’andrologo Carlo Foresta, autore dello studio e presidente della Società di andrologia e medicina della sessualità  – rappresentano la prima generazione che ha avuto un’esperienza di sessualità diversa dalle generazioni precedenti: internet, web cam, chat e immagini hanno creato una nuova forma di comunicazione sessuale che interessa in un mese oltre 800 mila minorenni. Questa esperienza dà un imprinting privo di riscontri reali e costruisce una sessualità mediatica ed istintiva che non tiene conto della sensorialità oltre che dell’affettività”.

Dai dati emerge inoltre che più del 12% del campione di giovani non cerca rapporti reali. Il 25% ha infatti dichiarato di soffrire di riduzione dell’interesse reale ed eiaculazione precoce e questo, spiega Foresta, accade perché l’eiaculazione si manifesta nei tempi dei filmati, che generalmente in internet si riassumono in pochi minuti.

Secondo la Società Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive (S. I. I. Pa. C.), gli elementi che possono favorire lo sviluppo della cyber-porn addiction, quali psicopatologie pre-esistenti (depressione, disturbi ossessivo – compulsivi, ecc.), condotte rischiose (eccessivo consumo, riduzione delle esperienze di vita e di relazioni “reali”) ed eventi di vita sfavorevoli (portando a problemi lavorativi, familiari, amicali, ecc.), sono accentuati dalle caratteristiche della rete, ovvero anonimato ed estrema facilità nell’accedere ai servizi. Gli esperti spiegano che la ricerca compulsiva del piacere attraverso l’autoerotismo può portare alla diminuzione del desiderio verso il proprio partner e all’incapacità di condurre a termine un rapporto sessuale nella realtà, favorendo la tendenza a considerare le persone dell’altro sesso esclusivamente come “corpi pornografici”. Il dipendente ha insomma grosse difficoltà a vivere nella dimensione reale, a concentrarsi sul lavoro, a instaurare rapporti di amore e amicizia, e quindi anche a ricordare le cose, finendo col perdere non solo la memoria ma anche la fiducia in se stesso.