Tag: mamma ti ropo il culo

mamma ti ropo il culo

Ieri sono stata con due ragazzi (Raconto di una MILF)

Sono Marika, ho 50 anni, divorziata e madre di uno splendido 20enne che studia fuori sede quindi ho praticamente la casa tutta per me quando voglio.

Pur avendo 50 anni, non sono per niente da buttare, anzi!

milf-con-2-raqgazziQuinta di reggiseno, due tette che stanno ancora su nonostante un naturale appesantimento, fianch larghi e un bel culo, gambe tornite e pelle bruna, quello che si definirebbe un tipico corpo mediterraneo e, di quando in quando, mi diverto ad adescare ragazzi che potrebbero benissimo essere miei figli.
Ieri per esempio sono andata in discoteca con un paio di amiche e, avvicinatami al bancone del bar per prendere dei drink, ho notato questi due ragazzi, bellocci ma niente di più, che mi fissavano con insistenza il sedere.

Intrigata dalla situazione, e curiosa di vedere se entrambi sarebbero stati disposti a fare qualcosa di trasgressivo, nell’attesa del drink mi girai e mi appoggiai di schiena al bancone, mettendo volutamente il petto esageratamente all’infuori e quindi lasciano libere le mie tette di svettare attraverso lo scollatissimo abitino bianco che indossavo.
Inutile dire che ai due ragazzi per poco non uscivano gli occhi fuori dalle orbite e il secondo, un biondino palliduccio e all’apparenza piuttosto anonimo, sputacchiò un po’ della birra che stava bevendo.

In compenso ciò mi permise di dare un’occhiata alla sua patta, notando che il rigonfiamento che la riempiva si era fatto molto voluminoso.

Anche l’altro, un brunetto leggermente più affascinante, ebbe una reazione considervole, ma la sua dotazione non sembrava reggere il confronto con l’amico.
Feci a entrambi un sorrisetto malizioso, presi i drink che avevo ordinato e poi mi diressi al centro della pista da ballo a dimenarmi un po’, lasciando le mie curve giunoniche libere di muoversi e sballonzolare.
Non fu una gran sorpresa sentirmi subito toccata da qualcuno alle mie spalle, e non lo fu nemmeno vedere che ad avermi avvicinata era il brunetto, sicuramente il più spegiudicato dei due.

Il biondino ben dotato era invece affianco a me, decisamente più distante, ma la sua patta era ancora bella gonfia.

Sorrisi ancora una volta, stavolta solo al biondino, mentre dimenavo il culo sulla patta del brunetto alle mie spalle, poi allungai la mano verso il più dotato dei due e me lo posi proprio di fronte, attaccato al mio seno. Lo bacia abbassionatamente ficcandogli la lingua in bocca di forza e contemporaneamente gli strinsi il pacco, constatando come nelle mutande quel ragazzino avesse una vera e propria bestia. Il brunetto, geloso, mi prese i fianchi e sembrò come se mi avesse voluto inculare attraverso i vestiti che ci separavano.
A quel punto dissi: “Ragazzi, non vi dispiace dividervi le cose, vero?”
“N..no” rispose il biondino.
“Dipende però da cosa ci offri” ribattè il brunetto, più spigliato.
“Vi propongo di andare via e andare a ballare a casa mia, solo noi tre, tu davanti – dissi rivolta al superdotato – e tu dietro, e poi magari facciamo anche cambio! E ovviamente senza vestiti opprimenti!
Il biondino a quel punto sembrò trovare molto più coraggio e, baciandomi con passione, mi infilò nemmeno troppo discretamente la mano sotto il vestito, soprendendosoi di trovare la mia figa scoperta e senza mutandine, ma infilandomi convinto le dita al suo interno.
A quel punto salutai le mie amiche, che però avevano già visto tutto, e, prendendo i due ragazzi per mano, li condussi alla macchina e poi, tempo 5 minuti, eravamo a casa mia, tutti nudi, io in ginocchio di fronte alla nerchia bella grossa del brunetto e al bastone di carne lungo 25 centimetri del biondino, imboccandoli a turno.

Vennerò in fretta sotto i colpi della mia lingua e mi imbrattarono viso e tette, ma questo ovviamente non ci avrebbe fermati.

Prendendo il comando, e sconfiggendo anche un’iniziale invidia, i due mi misero a pecorina sul letto, sopra il biondino ed io, sapendo già cosa fare, mi impalai su quell’enorme pezzo di carne che, affondando fino in fondo, arrivò a toccarmi la cervice. Quando cominciò a pompare, vidi letteralmente le stelle e provai un godimento incredibile, ma nel frattempo il brunetto mi aveva leccato per bene il culetto e, senza chiedere il permesso, mi inculò con un solo colpo.

Fortuna che ero abituata perchè nemmeno lui scherzava in quanto a dimensioni!
Venni così tante volte che nemmeno seppi più distinguere quanto avevamo scopato e quando si erano scambiati cambiato posto, sfondandomi figa e culo a turno, ma alla fine ci ritrovammo all’alba stesi sul letto, loro accoccolati viino a me come due bambini che succhiano il latte dalle tette della loro mamma, io coperta invece del loro “latte” dalla testa ai piedi, e soddisfatta come poche volte in vita mia.

The post Ieri sono stata con due ragazzi (Raconto di una MILF) appeared first on .

Ultime ricerche

MAMMA E FIGLIA

Erano le 16:30 di un normale venerdì pomeriggio, Monica riordinò in fretta e furia la sua scrivania, si infilò il lungo piumino grigio e si diresse verso la porta d’uscita salutando tutti i presenti dopo una lunga e stressante giornata in ufficio. La sua stanchezza era ancora più accentuata dal fatto che questo era l’ultimo giorno lavorativo della settimana, ma per fortuna il suo turno era finito un po’ in anticipo e per strada non si era imbattuta nel gran traffico del fine settimana riuscendo persino a passare al supermercato e ha fare un po’ di spesa. Era provata ma contenta, in vista del weekend che l’aspettava, finalmente avrebbe potuto rilassarsi come più le piaceva. Parcheggiò distrattamente la macchina e caricatasi di buste e pacchettini si diresse verso la porta di casa. Trafficò un pò per riuscire ad aprire la porta e poi finalmente varcò l’uscio ritrovandosi tra quelle tanto amate mura casalinghe. – Katia… Katiaaa! Tesoro, sono io… sono arrivata! – Esclamò ad alta voce Monica rivolgendosi alla figlia, poi si diresse verso la cucina e poggiò le buste della spesa sul tavolo, quindi si trasferì nella sua camera da letto per mettersi un po’ in libertà. Gettò la borsetta e il piumino sul letto, poi si sedette sul bordo del materasso e sbuffando si sfilò le scarpe; Monica adorava le scarpe con il tacco alto perché mettevano in evidenza ancora di più la bellezza delle sue gambe e le donavano una linea armoniosa e snella, solo che portarle tutte quelle ore era tutt’altro che comodo ed era un vero sollievo toglierle una volta arrivata a casa. Ma non erano solo le gambe che, in Monica, i colleghi d’ufficio apprezzavano; di lei piaceva tutto. Nonostante i suoi quasi 40 anni Monica era una donna bellissima, alta, mora, con i capelli lunghi, un pò mossi e due profondi e grandi occhi color nocciola, un fisico snello, asciutto, con dei lineamenti invidiabili, costruito da un costante allenamento in palestra frequentando corsi di aerobica e a casa da autodidatta, un sedere da fare invidia ad una ventenne e un qualcosa di veramente insolito per una donna così magra, un seno abbondante e prosperoso che più volte l’aveva imbarazzata attirando troppo su di se lo sguardo degli uomini. – Allora, amore… non mi rispondi ? Ti è passata la febbre, eh? – Continuò a chiedere Monica dalla sua stanza mentre togliendosi la giacca e la camicia si infilava un morbido maglione a collo alto e delle calde e buffe pantofole a forma di leone. Non ricevendo alcuna risposta dalla figlia, Monica si diresse in camera sua, bussò alla porta ed entrò. Katia se ne stava sul letto a pancia in giù, con indosso solo dell’allegra e sbarazzina biancheria intima e con le cuffie alle orecchie, era impegnatissima nel leggere una riviste per teenagers e non si accorse minimamente dell’ingresso della madre nella sua stanza. – Katiaaa! – Urlò allora Monica e aggiunse – Ma ti sei impazzita ? – Sentendo l’urlo della madre Katia si girò di scatto, quasi impaurita, tanto che il walkman che teneva sul comodino cadde in terra. – Mammaaa…ma che sei matta! Mi vuoi far prendere un colpo? – Quasi le gridò la figlia con il cuore che le batteva a 100 all’ora – Scusami ciccia… ma tu non mi rispondevi; e sfido io con quell’affare sulle orecchie. E poi scusa Katia, stai male e ti metti così scoperta, ma dico io…! – Puntualizzò la madre – Si… ma cavolo mamma, la prossima volta avverti e poi sto benissimo, la febbre è da questa mattina che non ce l’ho più, l’unica cosa e che faccio un po’ di fatica a respirare, mi sento tutta un po’ tappata – Rispose Katia ripresasi dallo spavento – Ho capito Katia, ma anche se non hai la febbre non mi sembra il caso di stare così, dai forza infilati sotto le coperte che adesso vado a preparare la cena e dopo ti faccio un bel massaggio con la crema balsamica, ok! – Gli ordinò Monica. – Che pizza che sei mamma, e mica sono più una ragazzina, no! – Borbottò Katia mentre si rimboccava le coperte. – Ah, no! Perché secondo te a poco più di 15 anni una che cos’è, un vecchia? – Rispose con ironia la madre – No, non sono vecchia… però ormai sono grande, non mi devi trattare come una bambina! – Sottolineò Katia – O perbacco, non me ne ero accorta! Allora signora, mi dica… gradisce una minestrina questa sera? – Chiese divertita Monica – Si… si, ma mi raccomando, bella saporita – Specificò Katia sorridendo. Monica si lascio alle spalle uno squillante “OK” e sorridendo si diresse in cucina per preparare la cena. Mentre era sui fornelli squillò il telefono, Monica afferrò il cordless e rispose; era Fabio, suo marito, che l’avvertiva che il viaggio era andato bene, che stava uscendo dall’aeroporto proprio in quel momento e che il tempo non era un gran che. Poi frettolosamente la salutò mandandogli un bacio e ricordandogli che sarebbe tornato Domenica sera sul tardi. Terminata la conversazione Monica riprese a cucinare preparando poi le pietanze sul vassoio e portandole alla figlia. – Ecco qua, Katia! Ha telefonato papà, ti saluta! Mi raccomando mangia tutto che dopo vengo a portare via il vassoio e ti faccio un bel massaggio – Si raccomandò Monica – Ho una fame! Che odorino…mi fa venire ancora più fame!- Rispose Katia mentre afferrava il vassoio Monica aggiustò il vassoio sul letto della figlia, si raccomandò ancora un paio di volte e poi tornò in cucina dove, acceso il televisore, si apprestò a consumare la cena. Terminato il pasto Monica tornò nuovamente in camera della figlia, riprese il vassoio facendo i complimenti alla figlia per aver mangiato tutto e ritornò in cucina per riassettarla e lavare i piatti . Seguì distrattamente un film mentre sbrigava le sue faccende, poi si sedette un attimo per fumarsi una sigaretta e rilassarsi poi verso le dieci andò in bagno a prendere la crema e tornò nuovamente in camera della figlia. Entrò nella stanza mentre Katia era intenta a seguire un film, accese la fioca lampada del comodino e si sedette sul bordo del materasso. – Allora signorina, lo facciamo questo massaggio? – Chiese Monica La figlia si limitò a mugolare qualcosa mentre guardava la tv e fece un cenno di assenso con la testa. Monica si alzò dal materasso e tirò giù le coperte che avvolgevano la figlia arrotolandole in fondo al letto, poi aprì il vasetto di crema e con la mano destra ne prese un bel po’ raccogliendola su due dita, quindi portò la sua mano sinistra all’altezza del reggiseno di cotone grigio della figlia iniziando a sbottonare i due bottoni posti sul davanti. – Questo però lo togliamo… eh? – Sottolineò Monica Katia si limitò a rispondere nuovamente come prima. Aperto l’ultimo bottone, Monica scostò il reggipetto liberando un piccolo ma ben fatto seno, piuttosto sviluppato per una ragazzina di quella età, due rotonde e sode mammelle caratterizzate da una leggera forma a punta tipica delle adolescenti e che, viste in quella posizione, sembravano sfidare la forza di gravità. Non che Monica non sapesse come era fatta sua figlia, l’aveva visto crescere giorno per giorno e trasformare via, via il suo giovane corpo ma la vista di quel seno così sviluppato l’aveva un po’ meravigliata, anzi in verità non se lo aspettava per niente e a vederlo non sembrava proprio il seno di una futura sedicenne ma bensì quello di una ragazza ben più matura. Poi abbassò lo sguardo sul suo petto, pensò che in fondo era sua figlia e vista la prosperosa misura che era stata concessa alla madre non si preoccupò più di tanto, accostò la mano destra al centro dei seni della figlia ed iniziò a spalmare la crema. In pochi secondi la crema perse consistenza, sciogliendosi completamente a contatto della calda pelle di Katia e diventando così un vero e proprio unguento. La delicata ed esperta mano della madre le spalmava sul petto, con ritmici e precisi movimenti circolari, la crema ormai liquefatta; gli attraversava la scanalatura posta tra i suoi due seni accarezzandoli e massaggiandoli mentre risaltavano lucidi alla luce della piccola lampada posta sul comodino. Monica eseguiva il massaggio in un modo quasi automatico mentre, insieme alla figlia, cercava di seguire il film alla TV, ad un tratto però la sua attenzione fu richiamata da uno strano comportamento che l’adolescente stava assumendo. Il respiro di Katia si era fatto più profondo e affannoso, la sentiva emettere strani mugolii mentre, con soffocata circospezione, serrava nervosamente le gambe l’una contro l’altra strusciando le ginocchia. Monica fece finta di non guardare ma seguiva incuriosita, con la coda dell’occhio, quello strano atteggiamento che la figlia manifestava e che a sua volta cercava forzatamente di controllare vista la presenza della madre. Monica ebbe un’ulteriore riprova della particolarità della situazione quando, passando la mano per l’ennesima volta sul petto della figlia, si scontrò con un appendice duro ma elastico; il suo sguardo cadde immediatamente sui seni della figlia e con grande meraviglia si accorse che entrambi sfoggiavano due spiccanti e turgidi capezzoli, ben eretti al centro delle areole. Dentro di se Monica si sentiva letteralmente sconcertata, non le era mai capitata una cosa simile e i piccoli seni della figlia, poi, facevano risaltare ancora di più quei capezzoli così tesi. In realtà non era particolarmente preoccupata per la risposta che il corpo di sua figlia aveva dato al suo massaggio ma quanto più al fatto che tale situazione la attirava e la incuriosiva morbosamente. – Allora… Katia, ti senti un po’ meglio adesso? – Chiese Monica quasi sottovoce – Si mamma, è molto piacevole… solo che adesso mi fa un po’ male lo stomaco! – Le rispose Katia – Dove, amore… qui ? – Domandò la madre spostando la mano sul ventre della ragazzina – No mamma, un po’ più giù ! – Precisò Katia La mano di Monica scivolò allora al disotto dell’ombelico e interrogò nuovamente la figlia – Dove allora… qua? – – No mamma, ancora un poco più giù – Le spiegò Katia Monica era quasi smarrita dallo strano comportamento tenuto da parte di Katia, per la prima volta in vita sua si sentiva quasi in imbarazzo nei suoi confronti ma intenta a soddisfare la richiesta della figlia aveva ulteriormente spostato la sua mano verso il basso, tanto che le sue dita si trovavano quasi all’altezza del pube di Katia. – Insomma… Katia, dov’è che ti fa male – Chiese nuovamente la madre con tono un po’ alterato – Ecco… li, mamma! Proprio li, sento come un bruciore – Puntualizzò subito Katia Ora Monica si sentiva veramente impacciata, la vicinanza tra la sua mano e l’organo genitale della figlia era praticamente irrisoria, solo la sottile stoffa degli slip che la giovane indossava separava il diretto contatto tra l’organo e la sua mano. – Katia, scusami… tesoro, ma qui non è… proprio lo stomaco – precisò Monica – Si, lo so mamma… però è li che mi da fastidio – Le rispose con voce sommessa la figlia Monica non ci pensò su molto, spinta anche dal desiderio di andarsi a coricare a letto il prima possibile vista anche l’ora, poggiò meglio il palmo della mano sul basso ventre della figlia esercitando una lieve pressione ed iniziò ad effettuare dei composti movimenti circolari. Quasi involontariamente, nel corso del movimento, le dita di Monica finirono al di sotto dello slip entrando a contatto con la morbida e rada peluria del pube di Katia, poi via, via scesero sempre più giù andando ad accarezzare le grandi labbra e la piccola fessura racchiusa tra di esse. Sentendo la mano della madre accarezzargli delicatamente il sesso, Katia allargò istintivamente le gambe lasciando più ampio spazio a quelle piacevoli attenzioni, Monica continuò per un po’ quel saffico trattamento poi ad un tratto senti i polpastrelli delle dita umidi e ne rimase scossa; interruppe bruscamente il movimento ritirando la mano, si alzò dal bordo del materasso e si rivolse alla figlia – Be… Katia, adesso basta così… ti è passato il dolore, no? – Katia si senti come buttata giù dal letto, aprì nuovamente gli occhi che sino a quel momento teneva socchiusi e a fatica rispose alla madre – Si, si mamma ora va molto meglio, grazie! – Monica si affrettò a dirigersi verso la porta – Mi raccomando ciccia, adesso dormi però…ok! – Le chiese con tono amorevole Monica, Katia annuì con la testa e gli augurò la buona notte, la madre rispose al saluto, chiuse la porta e si diresse verso la camera da letto. Monica era veramente stupita con se stessa per ciò che era successo, si fermò sulla porta d’ingresso della sua camera da letto, poggiò la sua mano destra sul petto e senti il cuore battere veloce mentre i suoi capezzoli erano diventati turgidi, ma non era tutto, si sollevò la gonna arricciandola attorno alla vita poi con dubbiosa indecisione si infilò una mano tra i neri slip di pizzo, si piegò un po’ sulle ginocchia ed allargò leggermente le grandi labbra, passò poi le dita tra la fessura ritirandole fuori completamente umide e scoprendosi, così, un utero ricca di umori. Monica non voleva crederci ma quell’approccio di rapporto saffico con sua figlia l’aveva eccitata e sicuramente dormirci sopra non l’avrebbe aiutata più di tanto. La mattina successiva Monica si alzò di buon ora, nella sua mente il pensiero di ciò che era accaduto la sera prima sembrava essersi assopito, la attendeva una mattinata ricca di impegni e sicuramente non lavorativi, bensì di classica routine casalinga; fare la spesa ed effettuare un po’ di shopping. Trascurò di riordinare la camera da letto, si preparò vestendosi come se dovesse andare in ufficio poi verso le 9:30 uscì lasciando Katia a dormire nella sua stanza. Monica rincasò vero mezzogiorno, era carica di buste come un somaro, si trascinò letteralmente esausta verso la cucina per depositare il tutto poi con passo veloce si diresse verso il bagno mentre il ticchettio dei suoi tacchi echeggiava nel corridoio. Quando si trovò davanti alla porta del bagno sganciò il piccolo bottone dell’aderente gonna che indossava e tirò giù la piccola chiusura lampo laterale, lasciando cadere l’indumento ai suoi piedi, poi afferrò con decisione la maniglia della porta che era appena socchiusa e la aprì di scatto entrando quasi con irruenza. Quasi contemporaneamente al gesto di Monica si susseguì un secco e rapido urlo; ad emetterlo fu Katia, che vedendosi aprire la porta così di soprassalto si sentì gelare il sangue pensando a chi sà cosa; in quel momento si trovava nella vasca da bagno letteralmente avvolta dalla schiuma, era in uno stato di completo relax mentre ascoltava la sua musica preferita dalle piccole cuffie del walkman e mai si sarebbe aspettata un momento simile, vedersi aprire la porta a quel modo l’aveva fatta sobbalzare con uno scatto nella vasca e provocato in lei il riflesso condizionato di emettere quell’urlo di terrore. Monica fu quasi spaventata dal quell’istintivo ma inaspettato comportamento della figlia, tanto che ritrasse di colpo la mano lasciando che la porta finisse la sua corsa battendo sulla parete. Bastarono pochi istanti per far riprendere Katia dal rapido stato di agitazione che lei stessa aveva innescato, rendendosi conto che si trattava di sua madre. – Mamma, ma sei impazzita ad entrare così di scatto nel bagno! Mi volevi far prendere un colpo? Cacchio, potevi anche bussare…no? – Monica era rimasta immobile sull’ingresso del bagno, tanto che lo spavento sembrava essere più il suo che della figlia. – Katia…ma sei scema ad urlare così ? Ma dico io…ma cosa ti passa per la testa, ma chi credevi che fossi? – La figlia nel frattempo si era tolta le piccole cuffie dalle orecchie mentre, ripresasi, si passava le mani bagnate sul volto quasi per trarne sollievo. Terminato quel gesto immerse nuovamente le braccia nell’acqua lasciando al di fuori solo la testa e poi guardò sua madre, Monica era ancora ferma sull’ingresso, in piedi davanti a lei, con le braccia incrociate sul petto e lo sguardo severo. Katia notò che sua madre non indossava la gonna e quasi istintivamente iniziò ad osservarla, indossava scarpe chiuse di pelle grigia, un modello classico leggermente a punta e con il tacco alto; le gambe e quì Katia rimase molto stupita, erano fasciate da velate calze nere sorrette da un reggicalze dello stesso colore con delicati e piccoli ricami ed in più uno slip nero semitrasparente tentava di coprire le su intimità mentre attraverso la stoffa dello slip erano ben visibili i peli del suo bupe. Un semplice ma elegante body di stoffa conteneva invece il suo prosperoso seno. – Porca vacca, mamma! Mi hai spaventata a morte…Però, ma dove sei andata così in tiro? – Monica portò le braccia sui fianchi e si rivolse alla figlia – Senti, se tu sei stupida io che colpa ne ho! E poi che cosa bussavo a fare, tanto non mi avresti risposto…con quelle cavolo di cuffie sempre appiccicate alle orecchie! Ascolta, per quanto ce n’hai…io devo andare in bagno, me la sto facendo sotto! – Katia continuava a crogiolarsi nella schiuma – Si…si, tanto la stupida sono sempre io alla fine! Veramente io sono entrata nella vasca da poco più di 5 minuti, ne avrei ancora per un po’ mamma! – Monica fece un’espressione buffa e si diresse verso il water posto alle spalle di Katia – Ho capito, va! Se aspetto che esci me la posso fare anche addosso. – Si tolse gli slip, tirò giù la tavoletta e si sedette sulla tazza del W.C. divaricando le gambe, poi quando Monica iniziò ad urinare si sentì un rumoroso scroscio accompagnato quasi da un sibilo. Katia fu sorpresa nel sentire lo strano sibilo che la madre emetteva mentre urinava, cosa che a lei non accadeva, ed anche lo scroscio del getto nell’acqua le sembrava molto più forte, possibile che il suo modo di fare pipì era così diverso da quello della madre. – Accidenti mamma, non ne potevi proprio più ! Mi sembri un idrante! – Le disse Katia con tono ilare – Ma che dici Katia! Comunque si, non ne potevo proprio più…stavo scoppiando! – In pochi attimi il getto di Monica si esaurì accompagnato da un suo sospiro di sollievo,porto la sua mano destra verso il contenitore della carta igienica ma con grande stuporelo trovò vuoto. – Katia, per la miseria ! Ma perché non la rimetti la carta igienica quando vedi che finisce? Eh! – Chiese con tono scocciato la madre – Ma che vuoi da me mamma! Io nemmeno lo sapevo che era finita! – Rispose con stupore Katia – Eh…si…certo, tu non sai mai niente! Se non le faccio io le cose in questa casa! – Monica si alzò in piedi, ma mantenne con la schiena una posizione incurvata e con il busto leggermente proteso in avanti, poi un po’ goffamente si diresse verso l’armadietto che conteneva i ricambi, mentre alcune goccioline dei suoi liquidi raggiunsero il pavimento, ma con suo grande stupore non trovò la carta igienica. – Ma porca miseria, non c’è proprio…mi toccherà andare a vedere al bagnetto se ce n’è rimasta ancora – Esclamò stupita Monica – Mamma, scusa…per il momento usa quella. – Le disse Katia, indicando un rotolo di carta assorbente, tipo quella da cucina, appoggiato sul ripiano in marmo che circondava il lavandino. Monica, che sentiva già alcune goccioline di pipì corrergli lentamente verso le gambe, non esitò e si diresse verso il rotolo poggiato sul ripiano, posto proprio di fronte alla vasca da bagno. Bloccò il portarotolo con una mano e con l’altra ne strappò un foglio, lo distese sulla mano e istintivamente alzò leggermente la gamba destra mentre con soddisfazione iniziò a passarlo sulla sua intimità mentre la carta emetteva il tipico sfrigolio a contatto del suo pube, il tutto sotto l’attento occhio della figlia che la guardava incuriosita . Monica presa dalla fretta, si era completamente dimentica della presenza di sua figlia, si stava praticamente comportando come se nel bagno fosse sola e quando vide nello specchio l’immagine riflessa di Katia che la osservava incuriosita si trovò in un grande stato di imbarazzo; messa in quella posizione era consapevole di avere praticamente offerto, agli occhi della sua bambina, in modo sin troppo dettagliato le sue intimità ed i suoi comportamenti forzatamente naturali per nascondere il suo stato erano del tutto inutili. Fu la stessa Katia a sbloccare, con finta ingenuità, quella strana situazione. – Mamma, ma come mai la tua è così tanto diversa dalla mia? – Le chiese incuriosita. A Monica gli si gelò il sangue sentendo quella domanda, testimonianza che quello che aveva pensato corrispondeva alla realtà e cercò di far finta di non capire. – La mia, cosa? Katia – Ma sua figlia non era stupida ne tantomeno aveva peli sulla lingua e non si fece pregare per chiarire in modo più esplicito la domanda. – La tua passerina, mamma! La tua passerina è molto diversa dalla mia, perché? – Domandò nuovamente – Ma cosa dici Katia! Non dire stupidaggini, ma come fa ad essere diversa! – Rispose con imbarazzo la madre – No…no, mamma è diversa dalla mia? Anzitutto sulla tua ci sono tantissimi peli mentre sulla mia ne ho pochissimi, poi la tua era così rossa… e poi io quando faccio la pipì, non faccio quegli strani rumori che fai tu ! – La situazione era diventata piuttosto imbarazzante per Monica, era tra incudine e martello e non sapeva proprio cosa fare.. A sedici anni Cristina era una ragazza bellissima. Capelli biondo scuro lunghi, viso ovale, occhi verdi, nasino piccolo, bocca sensuale. Alta 1.75, aveva un corpo perfetto, un seno rigoglioso e sodo, fianchi stretti, un gran bel culetto. Viveva con la mamma, Graziella, il papà era andato a vivere con un’altra donna sei anni prima. Graziella si era sposata a diciotto anni e aveva avuto Cristina all’età di venti anni. Era una donna molto bella, leggermente più piccola e un po’ più in carne, anche lei bionda, portava i capelli lunghi arricciati. Aveva due tette molto grosse ma sode e un culo da favola. Più che mamma e figlia sembravano due sorelle e, da quando il papà era andato via di casa vivevano felicemente e serenamente. Per colpa del padre i litigi erano all’ordine del giorno e Cristina soffriva molto nel vedere la mamma maltrattata e spesso piangente. A volte Cristina andava a dormire nel letto della mamma, parlavano di tutto, tranne che di sesso. Una notte, Cristina aveva dormito nel suo letto, si era alzata per andare in bagno e aveva sentito dei mugolii provenienti dalla camera di sua madre. Pensando si sentisse male era entrata nella stanza senza accendere la luce. Graziella aveva appena avuto un orgasmo e stava ancora masturbandosi per godere ancora. “Mamma, ti senti male?” “No, non preoccuparti, sto benissimo.” Al buio si era infilata nel letto della mamma e si era avvicinata. Si è accorta che la mamma era nuda, come faceva sempre quando dormiva sola, e si era sfilata anche lei la camicia da notte. Sotto era anche lei nuda. Aveva preso la mano della mamma stringendola forte e l’aveva portata verso la bocca per baciarla. Profumava di sesso. Si è infilata le dita in bocca e le ha succhiate. “Mamma, ti manca molto fare l’amore con un uomo?” “Per niente, preferisco fare da sola, mi piace molto di più.” Parlava con voce roca. “Mi masturbo spesso anch’io e piace tanto anche a me.“ “Lo so” Nel dire queste parole aveva spalancato e piegato le gambe e aveva ripreso a masturbarsi con la mano sinistra. Cristina aveva avvicinato il viso a quello della mamma e si era messa a dargli dei baci sulle guance, Graziella aveva girato il suo viso e le loro bocche si sono incontrate. Con un mugolio di piacere Graziella ha infilato la lingua nella bocca di Cristina che ha risposto al bacio della mamma. La mano destra di Cristina è corsa ad accarezzare le tette della mamma e a stuzzicare i capezzoli che si erano induriti, poi è scesa con la bocca verso il seno e si è messa a leccarlo con tenerezza. La mano intanto era Adv scesa verso la figa. “Vuoi che continui io?” “Si, dai, fammi godere.” “Accendi la luce, voglio vederti.” Nel dire queste parole aveva gettato le coperte oltre il letto. Si è stesa tra le gambe della mamma ed è rimasta a guardarla per alcuni minuti. “Come sei bella, hai la figa tutta bagnata, ho voglia di leccarti, non l’ho mai fatto, è da tanto che lo desidero.” “Si dai leccami la figa, ti prego, fammi godere con la tua lingua.“ Cristina ha avvicinato il viso, ha annusato il profumo acre e pungente e, prima timidamente poi con sempre più convinzione, ha cominciato a leccare quella figa sugosa, ha raccolto e gustato tutto il sugo, poi si è dedicata al grilletto, lo succhiava, lo mordicchiava, lo titillava con la lingua. Era una sensazione inebriante, gli piaceva da matti. Intanto si sditalinava velocemente. “Mio dio che bello, mi piace, dai leccami, si così, sul grilletto, dai, ancora, mi fai godere, si, si, continua, così, godo, che bello, godo, godooo.” Graziella si agitava tutta, era percorsa da brividi su tutto il corpo, tremava e urlava il suo piacere. Anche Cristina godeva mugolando, la bocca sempre attaccata alla figa di sua mamma, continuava a leccare e a gustare i succhi che uscivano. Graziella teneva entrambe le mani sulla sua testa e la premeva contro la figa, stava per godere ancora, non aveva mai goduto così tanto in vita sua, era stupendo, meraviglioso, ecco, godeva ancora, ancora, ancora. “Ahh, godo, mio Dio, ti piscio in bocca, non riesco a trattenermi, si, si, ecco, vengo, vengo, vengooo.” Si era alzata sul busto e aveva tirato Cristina verso di se, le ha leccato il viso, bagnato dei suoi umori e ha baciato con foga sua figlia che l’aveva fatta godere così intensamente. Poi l’ha fatta stendere e ha tuffato il viso tra le gambe della ragazza leccandola con ingordigia e facendola godere tre volte di fila. Si sono abbracciate e baciate di nuovo, poi si sono stese di fianco una di fronte all’altra. Si stringevano le mani e si guardavano in silenzio. “E’ stato stupendo, non credevo fosse così bello, lo faremo ancora, vero mamma?” “Si lo faremo ancora, tutte le volte che vorrai, anche a me è piaciuto tantissimo.” Dopo un po’ si sono addormentate. Al mattino si sono svegliate ancora allacciate. Si sono baciate. “Profumi di figa, mi piace.” “Anche tu. Aspetta.” Cristina ha scoperto la mamma e con il viso è andata tra le sue gambe, Graziella si è infilata tra le gambe di Cristina e si sono scatenate in un 69 travolgente che le ha portate a godere ancora una volta. Purtroppo dovevano alzarsi, hanno fatto la doccia assieme, una rapida colazione e sono uscite di casa.Cristina per andare a scuola, Graziella al lavoro. Era stato l’inizio, da quel giorno ogni momento libero era buono per scatenare la loro libidine, magari solo un ditalino reciproco veloce, la sera poi si scatenavano e nei giorni festivi erano godimenti infiniti. Ho conosciuto Graziella alcuni anni dopo. Avevo 23 anni, mi ero laureato con lode e frequentavo un corso per un Master in Marketing. Graziella lavorava alla segretaria organizzativa. Mi è piaciuta subito, provavo nei suoi confronti una attrazione incredibile, mi era entrata nel cervello, dovevo farmela. Mi avevano detto che con lei non c’era speranza, nessun uomo nella sua vita, viveva solo per la figlia. Non mi sono arreso, non l’ho mai fatto in vita mia, e per me quella era diventata una sfida. Ho cominciato dimostrandole un interesse quasi figliare, tante premure e tante accortezze. Quando ho capito che le ero simpatico, ho cominciato a farle una corte molto discreta, sempre più spesso le mandavo dei fiori, in ufficio prima a casa poi. Mi ha rimproverato ma con il sorriso sulle labbra. Alla fine l’ho invitata a cena. Mi ha detto no alcune volte poi ha accettato. Abbiamo passato una serata molto bella, era allegra e felice. Abbiamo scherzato sul fatto che io potevo essere suo figlio. Mi ha parlato a lungo di sua figlia, sembrava più una innamorata che una mamma. Gli ho proposto di portare anche sua figlia alla prossima nostra cena. “Mah, vediamo.” La sua risposta. Ho conosciuto Cristina alla cena degli auguri di Natale organizzata dalla Scuola. Tutti gli allievi dovevano fare un breve discorso di auguri. Credo di essermi superato, è stato un successo strepitoso e sono stato osannato da tutti. Graziella mi ha fatto i complimenti e mi ha abbracciato. Anche Cristina si è complimentata con me. Cristina era molto fredda e seria, sembrava quasi che l’entusiasmo e la felicità della mamma le desse fastidio. Dopo molte insistenze alla fine ha accettato di ballare con me. Ballando ho cercato di parlare con lei, mi rispondeva con monosillabi, alla fine le ho detto chiaramente che non avevo alcuna intenzione di portarle via la mamma. Lei mi ha guardato fisso negli occhi. “Se la fai soffrire, ti ammazzo.” In quel momento ho capito tutto. Se volevo farmi la mamma mi dovevo fare anche la figlia. Non era certo un problema visto quanto era bella. Durante la sosta, dovuta alle festività sono andato in montagna, ad Ortisei, con alcuni amici. Ero in coppia con una ragazza bella ma non sufficientemente troia per i miei gusti, comunque ho sciato, scopato e mi sono rilassato. Sono rientrato a Milano dopo l’Epifania. Ho telefonato a Graziella per invitarla a cena con Cristina, ha tergiversato un po’ ma alla fine ha accettato, io comunque non ho insistito più di tanto. Avevo la macchina nuova, una BMW 2002 e sono passato a prenderle a casa loro. Avevo deciso di essere chiaro e durante la cena ho detto chiaramente che avevo voglia di fare sesso con Graziella. Ho specificato “sesso” non l’amore. Non mi interessavano coinvolgimenti sentimentali e non volevo fare soffrire nessuno, anzi volevo dare piacere. Cristina mi fulminava con gli occhi, la mamma un po’ meno. Certo non si aspettavano la mia chiarezza. Ho anche chiarito che tenevo alla loro amicizia che desideravo continuasse in ogni caso. Dopo un po’ di freddezza, anche per merito di Graziella, abbiamo parlato di altre cose e tra noi è tornata la serenità. Dopo cena le ho accompagnate a casa. Ho rivisto Graziella alla ripresa delle lezioni. Era allegra come sempre, mi ha salutato e mi ha abbracciato. “Dobbiamo parlare, pranziamo assieme?” Mi ha detto. “Certo, ne sarò felice.” Le ho risposto. Durante l’intervallo siamo usciti, abbiamo mangiato un panino veloce in un Bar pieno di gente e abbiamo fatto una passeggiata lontano da orecchie indiscrete. “Cristina ed io abbiamo un rapporto molto particolare, anche dal punto di vista sessuale, è ancora vergine e non ne vuol sapere di avere fidanzati. Non lo trovo giusto e da tempo insisto perché si trovi un ragazzo e che faccia l’amore con un uomo. L’ho convinta a provare con te, gli piaci, ma vuole che io sia presente. Che ne dici?” Ha fatto questo discorso velocemente, quasi senza tirare il fiato e senza guardarmi. Era imbarazzata e quando ha terminato ha tirato un grosso respiro di sollievo. L‘ho guardata negli occhi. “Va bene e mi fa piacere che tu sia presente. Vedrai non ci saranno problemi, non preoccuparti.” L’appuntamento era per la sera stessa, dopo cena. Sono arrivato alle 21.00, avevo con me una bottiglia di prosecco. Indossavano solo una camicia da notte leggera, trasparente che metteva in bella evidenza le grosse tette di Graziella con i capezzoli duri e le tette di Cristina un po’ più piccole ma sode, anche lei aveva i capezzoli duri. Altrettanto bene si vedeva il pelo che copriva le loro fighe. “Abbiamo pensato che non era il caso di perdere tempo.” Ha detto Graziella. Mi ha preso per mano e mi ha condotto nella camera da letto. Assieme mi hanno aiutato a spogliarmi, bastò poco. Avevo il cazzo duro come il ferro. Rimasero stupite. “Che bello, grosso, lungo, sarà bellissimo.” “Mamma , non credi che sia troppo grosso per la mia figa?” “Non temere vedrai entrerà senza problemi.” Mi sono steso sul letto, Graziella si è inginocchiata alla mia destra e con entrambe le mani mi ha preso il cazzo. Lo menava e mi accarezzava le palle, ha invitato Cristina a farlo anche lei. Inizialmente un po’ titubante ma poi sempre più decisa. Graziella ha avvicinato la bocca e ha cominciato a leccarlo tutto comprese le palle, poi l’ha preso in bocca e ha cominciato a succhiarlo. Anche Cristina si è unita alla mamma, si dividevano con sempre più ardore il mio cazzo, ogni tanto si baciavano, poi riprendevano. Si sono divertite per un po’ poi Graziella ha preso un tubetto di crema e lo ha spalmato in abbondanza sul cazzo, ha invitato Cristina a sdraiarsi e ad aprire le gambe, prima le ha leccato la figa per un po’ poi ha spalmato abbondante crema. Ha voluto che fosse Cristina a stendersi su di me ed è stata Graziella a guidare il cazzo nella figa della figlia. L’ha invitata ad abbassarsi piano ma con decisione. Il cazzo ha trovato un po’ di resistenza e Cristina si è fermata. “Non temere, dai, spingi forte.” Il cazzo è entrato con un grugnito di Cristina. Ormai era fatta e ha continuato a impalarsi sino a quando la cappella non ha incontrato il collo dell’utero. Si è fermata, ha guardato la mamma. “Baciami mamma, ti prego.” Piano, piano ha cominciato a muoversi, prima lentamente e poi sempre più velocemente. “Lo sento, mi riempie tutta, mi brucia un po’ ma mi piace, si, mi piace, oh mio Dio come mi piace, mi fa godere, si, si, sto godendo, ecco godo, godo, godoooo.” Si è stesa su di me e mi ha baciato con voracità e intanto continuava ad impalarsi sempre più velocemente. Ora anch’io mi muovevo e seguivo i suoi movimenti, dopo poco arrivò al secondo orgasmo. “Si, godo ancora, è ancora più bello, si bello, ecco, ecco, godooooo.” Si è bloccata e ha incominciato a tremare, la sua figa era un lago e spruzzi di pipì mi hanno colpito il cazzo e sono scesi a bagnare le lenzuola. Si è sfilata il cazzo e si è stesa al mio fianco, le gambe spalancate si teneva la figa stretta tra le mani, tremava tutta. Graziella ha scostato le mani della figlia, la figa era fradicia, il poco sangue che era uscito era mescolato agli umori ed era diventato rosa pallido, Graziella ha appoggiato la sua bocca e ha cominciato a leccarla con sempre più ingordigia; dopo poco è arrivato il terzo orgasmo che ha lasciato Cristina quasi immobile, con il respiro pesante, spossata. Graziella si è girata verso di me, ha guardato il mio cazzo che svettava duro come il ferro. “Ti va di scopare anche me?” Non aspettavo altro. L’ho fatta stendere e sono salito su di lei, ha guidato con le sue mani il cazzo nella figa. “Fai piano, fammelo sentire bene tutto.” Sono entrato trovando poca resistenza, era fradicia, ho cominciato a scoparla piano piano per poi accelerare sempre di più, lei rispondeva ad ogni mio colpo venendomi incontro, siamo andati avanti per un po’ di tempo, al nostro fianco Cristina si era ripresa e ci guardava masturbandosi, Quando Graziella è arrivata all’orgasmo è come esplosa , si agitava, tremava urlava, dalla figa usciva una gran quantità di sugo, io continuavo a scoparla velocemente, anch’io avevo voglia di godere. Ho sfilato il cazzo e sono esploso il una gran sborrata. Schizzi lunghi di sborra si sono abbattuti sulla sua pancia sul seno sulla faccia i capelli oltre la testa. Lei la raccoglieva e se la portava alla bocca, cercava di raccoglierne il impossibile, le piaceva. Cristina, vedendo la mamma si è messa a leccare dal corpo la sborra, anche lei, dopo un po’ di titubanza, raccoglieva con ingordigia quanto più poteva, arrivata alla bocca di Graziella si sono scatenate in un bacio furioso. A vedere quella scena il mio cazzo che stava perdendo vigore è tornato ancora duro, mi sono messo dietro a Cristina e l’ho infilato nella sua figa. Intanto Cristina è scesa con la bocca alla figa di sua madre e si è messa a leccarla con ingordigia. Graziella si è sistemata sotto la figlia nella posizione del 69, ogni tanto sfilava il cazzo dalla figa di Cristina e lo succhiava, poi lo rimetteva al suo posto. Cristina ha avuto due orgasmi così come sua madre, io ho sborrato nella bocca di Graziella che ha diviso la sborra con Cristina che si era girata. Eravamo sfatti, ci siamo stesi sul letto, le due donne ai miei fianchi. Cristina era entusiasta, non aveva mai pensato che fosse così bello scopare con un uomo, Graziella gli ha spiegato che non tutti gli uomini erano come me e prima di sposarsi doveva provarlo bene il suo futuro marito. Dopo quel primo incontro ci siamo incontrati con regolarità diverse volte. Terminato il master ho dovuto cambiare i miei programmi, anziché il lavoro a Londra sono dovuto partire per il servizio militare. Aosta, Scuola Militare Alpina, corso Allievi Ufficiali di Complemento. Sei mesi ad Aosta, tre mesi a Brunico, sei mesi a Bolzano. Duri, intensi, sempre su e giù dalle montagne, con pochi momenti liberi ma sufficienti per vivere belle esperienze e conoscere nuove donne. Meglio se belle ma, in quel periodo non andavo tanto per il sottile, mi ricordo ancora una donna che ho incontrato in una malga nell‘alta Val Marebbe, non era bella, non era giovane, non era pulitissima ma era una gran troia. Appendice: Cristina ha sposato un medico che a letto ci sa fare, ha avuto 4 figli ed è molto felice. Graziella, rimasta vedova, ha sposato un pezzo grosso delle Ferrovie dello Stato in pensione, ha 15 anni più di lei e a letto non è un gran che ma si arrangia benissimo da sola, in compenso può soddisfare un desiderio che aveva sempre avuto: girare il Mondo, sono sempre in viaggio, anche lei è molto felice…

Ultime ricerche

I ricordi di una prostituta

Respiro.
Finalmente sono a casa, ma non so cosa mi aspetta. Anzi, so cosa mi aspetta, ma non riesco ad accettarlo perché non è giusto.
Ho deciso di estraniarmi, uscire fuori da me stessa e guardare le mani dei miei fratelli che mi picchiano a sangue. Li guardo con compassione. Qualche lamento esce dalla mia bocca, ma lo soffoco all’istante. Non servirebbe a nulla, neanche ad alleviare il dolore.
Ma che dolore poi… Io non provo più nessun dolore. Sono morta. Morta dentro. Una morta vivente che cammina, parla, respira. Sono fatta anche di sangue, vedo, visto che del sangue mi esce dal naso.
Li guardo impassibile. Sento le urla di mia madre che dice: “Basta! Lasciatela stare! È la mia bambina”.
Mio padre, invece, fuma una sigaretta in silenzio e si dondola avanti e indietro, avanti e indietro, come fosse impazzito.
Questa è la mia famiglia. Ve la presento: io, mia madre, mio padre e miei due eroi, i miei fratelli, entrambi più grandi di me.
Fin qui niente di strano, direte voi, e io sono d’accordo, ma voi non sapete chi sono io.
Vi starete chiedendo come mai mi stiano picchiando. Abbiate pazienza. Tra un po’ ve lo racconto. Ci arrivo. Adesso non riesco perché le loro cinture che sbattono sul mio corpo mi distraggono, e dovrò pur respirare. Non riesco a parlare, a respirare, a raccontare le mie disgrazie mentre vengo picchiata. Dai, non perdete questa scena! Sedetevi lì e guardatemi.
Perché rido? Perché loro mi stanno purificando. Uh, sono i miei fratelli maggiori ed è il loro compito. Mia mamma non ha voce in capitolo, mio papà è debole e non viene preso in considerazione. Non è uomo, e quindi i miei poveri fratelli devono farsi carico della mia purificazione. Che avete? Perché storcete il naso? Vi state annoiando mentre aspettate che cominci la mia storia? Ma dai, abbiate un po’ di pazienza! Vedrete che prima o poi la smetteranno.
Fanculo sto sangue che non smette di scorrere! Non riesco a vedere. Oh, la cintura mi ha preso nel viso.
Di nuovo la voce di mia madre: Smettetela!
Ma perché urla? Lasciali fare!
Adesso si intromette mio papà. “No, non nel viso, glielo distruggerete. Ci rimarrà a casa a vita!”.
Le cinture ora cambiano direzione. Abbandonano il viso ma continuano a percuotermi con forza tutto il corpo. Adesso si sono fermate! I miei purificatori, ora, sono stanchi ma soddisfatti. Hanno fatto proprio un bel lavoro! Non mi muoverò per almeno un mese, ma chi se ne frega? Dove volete che vada? Adesso vi racconto. Aspettate che respiro. Ho la gola secca, voglio bere. Qualcuno mi porta un po’ d’acqua? Non vedo… chi è che mi sta portando da bere? Oh, la mamma. Ma perché piange? Dai, dai mamma, adesso non è il caso di fare la frignona, su. Grazie dell’acqua!
Dove eravamo rimasti? Ah, vi stavo raccontando di me. Io sono…
Tanto tanto tempo fa, o, meglio ancora, 350 giorni e 6 ore fa, io ero una bella ragazza, quasi 17enne, con lunghi e folti capelli castani, mossi, due occhi grandi da cerbiatta, una bocca come una rosa appena sbocciata e pronta di essere annusata, non ancora pronta per essere colta. Avevo ancora bisogno di attenzioni, ma non importa. L’età ti fa credere che tutto sia possibile, così mi innamorai.
E’ stato bello il mio primo amore. Il cuore mi batteva all’impazzata, le farfalle mi svolazzavano nello stomaco, gli occhi vedevano solo splendore. La ragione non esiste nell’amore, e a 16 anni ancora meno. Aveva 4 anni più di me. A lui regalai per la prima volta il mio corpo, la mia verginità. A pensarci bene, mi ha fatto male la prima volta e anche la seconda, ma credevo fosse normale. Lui non era tenero. Si impossessò di me quasi subito, senza nessun preliminare, appena fummo soli in quella baracca abbandonata. Prima mi infilò le mani sui miei seni abbondanti, bianchi come il latte, poi cominciò a mordermeli e succhiarli con forza, il suo cazzo era già pronto a sfondarmi come un palo duro tra le cosce. Entrò subito, di colpo, a fondo. Urlai di dolore, mi morse le labbra e soffocò il mio grido nella sua gola. Poi muoveva con forza il bacino. Sembrava mi volesse lacerare le viscere. Ma poi finì. Uscì fuori di colpo e mi riversò tutto il suo piacere sul corpo. Chiusi gli occhi. Pensavo fosse un incubo. Mi avevano fatto credere che far l’amore è bellissimo! Mi avevano ingannata. L’abbiamo fatto altre volte, in posti più assurdi, in situazioni assurde, in bagno, al parco, dietro un albero, nel canale, ogni volta che il suo animale avesse voglia di mangiare la mia figa. Alla fine cominciò a piacermi questo suo modo selvaggio, e finii per godere pure io. Non so come i miei fratelli scoprirono tutto, e allora cominciarono i guai. Mi picchiarono perché dovevamo lasciarci. Non era l’uomo giusto per me. “Ma io lo amo!” dissi loro.
Cominciarono ad offendermi. Mi dicevano urlando: “Tu non sai niente! Lui è un poco di buono. Tu ragioni solo con l’utero, come tutte le donne”.
Anche all’epoca subii in silenzio tutti gli insulti, le violenze, gli schiaffi, gli sputi, ma all’epoca avevo il suo amore che mi dava forza, e quindi non ci badai.
Così come non ci pensai due volte ad andare con lui a casa sua quando me lo propose. Volevo amarlo in pace e non sopportavo quando parlavano male di lui alle sue spalle. Come si permettevano i miei fratelli di parlar male del mio amore? L’avrei difeso a vita e avrei dato per lui la mia stessa vita.
A casa sua viveva solo con la madre, che, oltre sguardi torvi e qualche parola tra i denti, non mi disse mai altro. Io cucinavo per lui, pulivo, lavavo. Facevo tutto quello che avrebbe fatto una brava mogliettina. Ed ero felice.
I miei fratelli mi cercarono, ma io non volli vederli. “Che vadano al diavolo!” mi dissi cercando di guardare avanti con l’entusiasmo e la gioia di una 17enne.
Aspettate! Stanno bussando alla porta della mia camera…
“Chi è? Aprite per favore! Non riesco a muovermi. Entra!
“Oh, sei tu! Che ci fai qui?”.
Mi state chiedendo chi è? E’ la mia amica. O meglio, era la mia amica. Sì, prima di partire e farli vergognare tutti per quello che ho fatto.
Cosa vuole sta qua?! Shshshsh… sentiamo.
Oh, mi abbraccia. Rido beffarda. Che vuoi bambina? Vai nel tuo mondo e non sporcarti nel mio schifo. Non devi toccare la merda, altrimenti puzzi. Non te l’hanno detto?
Ah, già, tu non hai fratelli che possono insegnartelo. Ok, vieni che te lo insegnano i miei.
“Piange questa. Dai, che mi entrano le lacrime sulle ferite e mi bruciano. Smettila”.
Ride. Che strana che è! Non la riconosco più.
Cosa sta dicendo? E’ proprio fuori di testa! Mi dice “che fortuna che sei andata in Italia! Si, ti hanno picchiata, ma non importa. Tu hai scoperto il mondo. Hai vissuto in pieno”.
E’ proprio bambina. Non capisce niente. Vediamo. Mi chiede se mi piace ciò che ho visto. Adesso voi state zitti. Devo parlarle. Aprirle gli occhi a questa stronza. Voglio farle sparire quello stupido sorriso dalla sua faccia ingenua.
“Ehi, ehi, piano signorina sognatrice! Va a prendermi una sigaretta”.
Me la porta. L’ accendo. Le mangio il filtro. Vorrei aspirare sigaro puro. Questa schifezza non la sento per nulla, ma mi accontento.
“Vieni a vedere il mio mondo. Guarda i segni delle sigarette spente sul mio corpo! Vedi? C’è ancora del pus che esce. Non sono ancora guarite. Non spaventarti, bambina. Non fanno più male. Sono solo un’ombra della merda del mondo nel quale ho vissuto.
Vieni, avvicina l’orecchio. Ti racconto un segreto: il mio utero è lacerato e io non potrò mai più avere bambini. Ero incinta, mi hanno fatta abortire con un ferro caldo. Urli? Ha ha ha che spiritosa! A me hanno fatto male e tu urli di dolore. Svegliati bambina, svegliati, vai dalle braccia della tua mamma e del tuo papà, lontano dai miei film horror che ti agiteranno i tuoi sogni tranquilli.
Fanculo tu e la tua faccia candida da bebè! Sparisci!
Che fai? Mi abbracci? Vattene! Capisci? Altrimenti… altrimenti ti racconto cos’è successo molto prima, come sono stata tradita quel giorno dal mio amore, il giorno del suo compleanno.
Non vuoi andare? Ti avevo avvisata. Non hai voluto darmi retta.
Ascoltami bene. Cerca di non perdere nessuna parola del mio racconto, impara da i miei errori se ne sei capace. Ma tu sei troppo preziosa. Nessuno ti permetterebbe di sbagliare. Ti stanno addosso, col fiato sul collo, e tu, come una marionetta, segui tutto alla virgola, come se non avessi nessun desiderio. Credo, questo tuo carattere accondiscendente ti abbia salvato il culo. Odiavo il carattere che non hai mai avuto. Anzi, una volta lo odiavo, ora non più.
Dov’eravamo? Ah… avvicinati ancora. Si, va bene così.
Come dicevo, era il giorno del suo compleanno. Il mio amore voleva un regalo da me. Voleva il mio culo. Eh, ricordando il dolore che mi aveva provocato la prima volta nel prendermi la figa, mi ero rifiutata di darglielo. Lui però lo sognava, e io decisi di regalarglielo per il suo compleanno.
Sua mamma quel giorno era andata da sua sorella. Finalmente la casa era tutta per noi due! Pulii, preparai il pranzo, poi mi misi un perizoma con dietro un fiocchetto rosso e aspettai con ansia che lui arrivasse. Non vedevo l’ora di dargli il regalo, il mio regalo per lui. Ma non venne solo. Venne con certi suoi amici che non conoscevo, e alla cui sola vista mi si accapponò la pelle talmente poco mi sembrarono raccomandabili. Lo guardai interrogativa, ma non disse nulla. Il tavolo pronto. Mi sentii ridicola con il mio fiocco rosso sul culo. Andai in camera nostra. Mi chiusi a chiave delusa. Volevo piangere. Mi seguì.
“Apri la porta!” mi disse.
Ubbidii.
“Che hai?” mi chiese.
Gli raccontai con le lacrime agli occhi quello che volevo fare con lui e quanto avrei voluto fosse da solo.
Allora chiuse la porta alle nostre spalle e gli donai, anzi, prese brutalmente anche il mio culo per la prima volta. Piansi di rabbia. Non volevo farlo così. Volevo fosse tutto perfetto. Ma lui, come un animale, pensò solo ai suoi istinti. Mi mise a pecorina e poi si mise dietro di me. Mi allargò le cosce con le sue gambe, mi aprì le natiche e, una volta che ero in posizione, mi infilò il cazzo di colpo fino in fondo. Urlammo entrambi. Credo avesse fatto male anche a lui stavolta. Poi si fermò un attimo e, appena regolarizzato il respiro, si mosse come forsennato, spaccandomi in due dal dolore. Mi venne dentro, cazzo, mi venne dentro.
Mi pulii dallo sperma e dal sangue e mi vestii, lui mi diede un bacio sfuggente con un semplice grazie e mi disse di raggiungerlo dagli altri.
Piansi un po’, ma poi mi passò.
“Oggi andiamo al mare!” mi disse distaccato.
“Perché?”.
“Perché voglio festeggiare con te e i miei amici” mi rispose.
Storsi un po’ il naso, ma null’altro. In fondo, era il suo compleanno e non volevo certo rovinargli la festa.
Lunga la strada, interminabile. Arrivammo verso sera. Entrammo in un appartamento vecchio e sudicio. Mi sembrava tutto strano e mi chiedevo come mai fossimo finiti lì.
Cenammo, bevemmo, poi non ricordo più nulla. Quando mi svegliai, del mio amore non c’era più traccia. Ero rimasta in balia di quei quattro. Ebbi paura.
Chiesi a loro: “dov’è il mio amore?”.
Mi dissero: “ora tu sei nostra. Il tuo amore ti ha venduta a noi. Gli hai fatto proprio un bel regalo per il compleanno, bambolina. In cambio ha ricevuto una bella cifra”.
Risi forzatamente. “E’ uno scherzo, vero?”.
La mia risata si trasformò in smorfia di dolore quando capii che non lo era. Urlai terrorizzata con quanto fiato avessi in gola e corsi fuori per scappare. Mi presero, mi picchiarono, mi rasarono i capelli a zero… i miei bellissimi capelli.
Risero. “Così non puoi più scappare” mi dissero. Dalle nostre parti, le donne non possono andare per strada con la testa pelata. E’ una vergogna. Arrivò di nuovo la notte, e quella notte, senza la luna, quei quattro mi fecero salire in un gommone e partimmo per il loro paradiso.
Non sto li a raccontarvi le onde del mare, la paura che mi avvolgeva ogni volta che lo scafo andava in velocità e schivava qualche onda, quando mi sembrava di cadere in mare, o la nausea dovuta al mare mosso. Tutto questo era niente in confronto a ciò che avrei dovuto affrontare in seguito.
Una volta scesi in Italia, nel paese dei sogni di tutte le mie coetanee, ci aspettavano altri uomini. Mi vennero vicino. “Uh, ma che bella!” dissero.
“Peccato senza capelli, ma le mettiamo la parrucca e subito a lavorare”.
Mi fecero l’occhiolino. Restai muta. Loro, poi, si misero a parlare in disparte. Sentivo le loro voci, ogni tanto alzavano la voce e riuscivo a comprendere frammenti di frasi che la mia mente cercò di decifrare. “Vale molto di più… è giovane, bella… questa sarà la vostra gallina dalle uova d’oro. Abbiamo fatto anche i documenti falsi per aumentarle l’età, sono costi”.
Alla fine si accordarono e sembrarono tutti felici. I quattro ripresero la strada del ritorno e io camminavo come una sonnambula con i miei nuovi padroni.
Posso dirvi con orgoglio che non gli ho reso la vita facile. Ne combinavo di tutti i colori, e loro si vendicavano. Come quella volta che nascosi i soldi. Volevo tenerli per me, per costruirmi una vita, ma loro mi scoprirono e mi torturarono spegnendomi le sigarette sul corpo. Una volta feci per denunciare il mio protettore, ma una mia collega fece la spia, mi picchiarono e mi dissero che, se qualcuno di loro fosse finito dentro per colpa mia, gli altri mi avrebbero tagliata a pezzi e sciolta nell’acido come non fossi mai esistita. E io ci credetti. E credeteci anche voi, erano capacissimi di farlo. Ma non era solo la paura di morire. La mia paura più grande era il non sapere dove andare se fossi scappata. Tradita da tutti. Tradita dalla mia famiglia per aver tentato di impormi con la violenza il loro pensiero invece di farmi comprendere col dialogo i loro timori. Tradita dal mio amore per avermi venduta come un oggetto qualsiasi. Non riuscivo nemmeno a piangere. Dicono che le lacrime smorzino il dolore, ma io non scoprii mai questo beneficio. Ero convinta che le lacrime, il dimostrarmi debole, provare sentimenti, mi avrebbero tradita.
Poi rimasi incinta. Come vi raccontai all’inizio, mi fecero abortire con un ferro caldo, senza portarmi in nessun ospedale perché ero clandestina. Mi abbandonarono in mezzo alla strada con un pugno di soldi per tornare a casa. Svenni per strada. Un passante mi accompagnò all’ospedale. Non dissi nulla nonostante le domande insistenti. Guarii, e una volta guarita tornai a casa.
Questo è il benvenuto da parte dei miei familiari. La festa in mio onore. E si, sono io la festeggiata.

Ultime ricerche

RACCONTI EROTICI: Fantasie domestiche..

Ho 24 anni, sto col mio ragazzo da circa otto mesi e non abbiamo mai realmente vissuto insieme più di qualche giorno alla volta, né io ne sento un particolare bisogno. Tuttavia, ogni tanto tra le mie fantasie appaiono immagini di noi in una casa tutta nostra: per una volta mi piace immaginarmi più adulta, con qualcosa di più responsabile nel mio atteggiamento, non so spiegarmi. Mi immagino di sera, passare nel soggiorno di questa bella casetta, ancora vestita con gli abiti del giorno. Mi immagino di essere sfinita da una giornata di presumibile duro lavoro, e anche un po’ irritata, probabilmente, dall’impossibilità di potermi rilassare in qualche modo, dato che l’indomani si lavorerà di nuovo. Il mio ragazzo, in questo caso compagno, o marito, poco importa, sarebbe anche lui in soggiorno, immerso nella lettura di un libro e probabilmente preda dei miei stessi sentimenti. Mi dirigo in cucina per lavarmi le mani e così il rumore dell’acqua che scorre mi impedisce di sentire il rumore di passi del mio uomo, che furtivamente mi è arrivato alle spalle. Mi accorgo di lui solo quando mi alza la gonna fin sopra il sedere e mi tira giù le mutande. Sussulto di colpo e mi giro lentamente a guardarlo. Lui è inginocchiato dietro di me e mi guarda con occhi vogliosi. Oh sì…basta quello sguardo a provocarmi calore e desiderio tra le cosce. Lui mi palpa i glutei e poi, aprendomeli un pochino, comincia a leccarmi la fica e anche un po’ più in su l’altro buchino, con tanto trasporto che sembra un affamato a digiuno da giorni di fronte a una torta di mele. Io mi godo il momento, col busto leggermente reclinato sul piano della cucina. Amo sentire il mio uomo alle mie spalle, che mi accarezza, mi abbraccia o mi parla. Mi provoca sempre un’emozione forte sentirlo dietro di me, non guardarlo ma avvertire la sua presenza, rassicurante ed eccitante insieme. Ora tutto questo insieme al piacere provocatomi dalla sua lingua mi infuoca, la mente mi si annebbia e mi sale una voglia tremenda di fare porcate innominabili, e subito. Dopo un attimo lui smette di leccarmi, mi appoggia le mani sulle spalle e mi rimette dritta con la schiena contro il suo corpo. Mi accorgo che si è già slacciato i pantaloni, perché sento il suo cazzo in erezione, caldo, strusciare contro i miei glutei. Finora tutto si è svolto in perfetto silenzio. Io sto fremendo, lo prendo per i fianchi portandolo contro di me e gli sussurro con voce roca dal desiderio: “Sì, ti prego…scopami nel culo. Voglio che mi rompi il culo” Lui sussulta e si stringe ancora di più a me, ma non risponde. Mi bacia e mi lecca sul collo mentre con le mani mi tira fuori i seni dalla maglietta scollata e li stringe tra le mani. Purtroppo il piano della cucina è troppo alto per me, quindi lui mi guida verso il soggiorno e mi fa sedere sul divano. Siamo entrambi ancora completamente vestiti, solo che io ormai ho la gonna che mi fa da cintura e la fica in bella vista, e lui il suo bel cazzo che spunta dai pantaloni. Apro le gambe discintamente, mostrandogli la mia fica aperta, umida e desiderosa. Lui si avvicina a me e con una mano mi prende la testa, con l’altra mi mette il suo cazzo dritto in bocca. “Succhialo, mia piccola puttana” dice, e intanto mi infila due dita nella fica e comincia a masturbarmi. È sempre stato bravo in questo e col tempo è migliorato, tanto che sto quasi per venire, aiutata dall’eccitazione che mi provoca il suo cazzo che mi spinge in bocca. Ma lui evidentemente non vuole che io venga subito così, vuole esaudire il mio desiderio.

Mi prende e mi gira, mettendomi in ginocchio sul divano col culo per aria. Mi lecca ancora un po’ lì, anche se sono già fradicia, e poi comincia piano ad infilarmelo nel culo, mente con l’altra mano mi accarezza il clitoride. Gemo, un po’ per il piacere e un po’ per il dolore, poi grido quando è entrato tutto dentro e lui comincia a muoversi. Ma sono così arrapata che il dolore mi eccita, voglio essere scopata senza riguardo. Devo avere lo sguardo folle mentre gemendo lo incito “Sì sì, rompimi il culo, ti prego!” Anche lui ha un’aria malvagia, eccitata oltre ogni limite, mi spinge dentro con tutte le sue forze. Gli prendo la mano e gli lecco due dita, poi gli chiedo di mettermele nella fica e continuare a masturbarmi come stava facendo prima. Lui mi smanetta con violenza e la sensazione è piacere puro, oltre ogni limite. “Più forte! Più forte!!!” grido, finché non vengo con uno degli orgasmi più intensi che abbia mai avuto. Lui pure ansima più forte e mi annuncia che sta per venire; gli dico “Vienimi addosso, coprimi di sborra!” E così lui si tira fuori dal mio culo e si masturba davanti a me – sa che mi piace guardarlo mentre lo fa – poi mi tira per i capelli e viene, schizzandomi sul petto e sul viso. Succhio le ultime gocce dalla punta del suo uccello e lo ripulisco avidamente con la lingua. Quando si abbandona seduto affianco a me, sospirando “Whew…che scopata!”, io gli do una leccata sul collo. Mi sento ancora incredibilmente porca e gli sussurro “Scopiamo ancora…tutta la notte, finché non mi avrai coperta di sborra ovunque” e gli sorrido. Una fantasia come tante, che non vedo l’ora di mettere in pratica…

Ultime ricerche