Tag: porno prima volta in bocca

porno prima volta in bocca

SPINGERSI OLTRE

Quelle poche indicazioni ti dicono già tutto: parcheggia, sali le scale, la porta sarà aperta, entra e richiudila alle tue spalle.
Sento il tuo passo che si avvicina, il rumore dei tacchi che cerchi di attenuare per un finto pudore, la serratura della porta che scatta appena accompagnata per fare piano. Ora sei lì ferma per un istante rivolta verso quell’ingresso che hai appena attraversato, le mani ancora appoggiate una sulla maniglia e l’altra sul pannello della porta. Sembra quasi che sia sfuggita al pericolo, invece tu stessa sai che il vero timore dell’ignoto è ora alle tue spalle; lì c’è quel desiderio di affidarti, di sperimentare e scoprire.
Ti volti e quella busta che penzola proprio davanti ai tuoi occhi fa scattare l’adrenalina fino a seccarti la gola, contiene le istruzioni che eseguirai alla lettera, le regole del gioco, contiene la chiave per uscire quando vuoi, è la tua garanzia, è il tuo desiderio di spingerti oltre: è quello che desideri,ora comincia il tuo viaggio.
Lo so, mentre ti sfili l’abito attillato e lo lasci cadere sulla panca, mentre togli orecchini e bracciali ti chiedi dove sono, in quale angolo di quella stanza che non conosci, quale penombra è la mia complice. In quella veste fatta di un completino nero e di un reggicalze che incornicia tutta la tua femminilità muovi i pochi passi che ti separano da quella parete. Uno, due, tre,quattro. Un percorso infinito prima di metterti fronte al muro, stringendo nella mano un paio di calze nere che ti era stato ordinato di portare, ti appoggi alla parete… un respiro …”Sono pronta”.
Mi avvicino senza sfiorarti, avverti solamente il calore del mio respiro sul tuo collo, senti come se il mio sguardo ti riscaldasse la pelle, capisci che ti sto ammirando, ti scopro. I palmi delle mani sul dorso delle tue, con delicatezza prendo una delle calze che hai portato ed inizio a bendarti. Chini leggermente la testa all’indietro e la luce si spegne. Mi assicuro che ti senta tranquilla e per risposta ti giri di scatto buttandomi le braccia al collo: il tuo cuore trasmette tutto il desiderio con pulsazioni impazzite.
Non hai il tempo di capire e sei già sollevata da terra, attraverso stanze a te ignote, senti odori, calore, freddo, scale, è un susseguirsi di luoghi che non ti appartengono e che la tua testa trasforma in un labirinto, finisce solo quando ti senti appoggiare su un letto. Un istante di quiete e subito i tuoi polsi e sono avvolti da morbide corde, capisci subito le conseguenze: sei legata. La testa si sforza di intravedere un barlume di luce ma è inutile, ora nella tua immaginazione vedi solamente una candela, forse più di una… e poi il buio tuo complice.
Le mani sul tuo corpo interrompono ogni pensiero, calde e decise sollevano di poco la tua nuca, ti bacio avidamente. Mia, come la mia preda nella tana, un mezzo sorriso restituisce tutta la tranquillità dopo quei baci: mi dici “baciami ancora!”
Ma non sei nella condizione di dare ordini, scopro il sapore della tua pelle, il turgore dei seni tra le labbra, il calore del respiro mentre scendo e risalgo; indugiando a lungo sui bordi della biancheria: confine tra il desiderio e la realtà.
Bagnata, fremi perché ti penetri mentre con la lingua esploro la tua intimita’, ti stuzzico, affondo; esplodi in un orgasmo che portavi dentro da troppo tempo.

Vedere la tua schiena inarcata, sentire i gemiti, sapere che quei legacci sui polsi ora sono i tuoi complici per aggrapparti mi eccita.
Intingo nella tua bocca un piccolo butt plug in metallo, lo senti freddo, lo inumidisci e quasi sei restia a lascartelo sfilare perché sai che è destinato al tuo lato b; con delicatezza e fermezza lo senti poco dopo mentre affonda tra le tue natiche, si incontra con due dita che ti penetrano la vagina senza ritegno: ti chido “chi sei?”, dillo… quando rispondi “sono la tua puttana” sto già indugiando col mio cazzo tra le labbra di quella figa umida e vogliosa.
Ti scopo con decisione, è quello che voglio, è quello che vuoi. Vieni di nuovo, vengo anch’io dentro di te.
Qualche secondo in cui i nostri respiri sono all’unisono, ti sciolgo i polsi, tolgo la benda.
Ti bacio, mi baci
Buonasera…
…Buonasera… a te

Tag: inculate gratis, inculate gratis, inculate gratis, ventenni incesto, ventenni incesto
, ventenni incesto, film porno animali, film porno animali, film porno animali, pornostar labrador, pornostar labrador, pornostar labrador
, webcam storie vere, webcam storie vere, webcam storie vere, universitarie scarpe, universitarie scarpe, universitarie scarpe, raccontieroticigratis
, raccontieroticiincesto, raccontieroticianimali, raccontieroticilabrador, raccontieroticistorievere, raccontieroticiscarpe, racconti erotici gratis
, racconti erotici incesto,Teen,Nudist,Photos,Young,Nudist,Teen,Nudist,Sauna,Young,Nudist,Sex,Nudist,Family,Log,Teen,Nudist,Age,Nudist,&,Nudism,Teens
,Young,Girl,Orgasm,Kind,Nudist,Girls,Kind,Nudist,teen,Nudist,Fruit,Tube,Young,Sex,Pure,Nudist,Hairy,Nature,Girls
,Vintage,Teen,Nudism,Uncensored,Nudist,Films,Shy,Cam,Teens,Sweet,Teen,Nudists,Swiss,Beach,Nudism,Young,Nudist,Pictures, ,Teen,Nudist,Archive
,Too,Good,TGP,Young,&,Hairy,Nudism,Nudist,Gallery,News,Nudist,Girls,Videos,Nude,Beach,Teen,Nudist,Teen,Pics,Teen,Nudist,Porn,Nude,Model,Pic,Family,Sex
,Orgy,Teen,Nudist,Images,Real,Voyeur,Sex,Little,Nudist,Worl,Young,Family,Nudism,Young,Lover,Nude,Young,Lip,Cams
,Family,Nudism,Teen,Nudist,Pics,My,Hidden,Cam,Tape,Sexy,Cam,Teens, ,Categorized,Galleries,Young,Hairy,Nudist,Young,Nudist,Friends,Scooby,Tube
,Family,Fucked,Nudist,Show,Pure,Teen,Nudism,Nudist,Sun,Freikorperkultur,Videos,Underground,Videos,Teen,Loca,TGP,Active,Voyeur,Teen,Nudist,Pics,Nudist
,Youth,Colony,Teen,Nudist,Tube,Nudism,Tube
,Nudist,&,Naturist,Girls,Lil,Nudist,Undies,Soshit,Naked,Cams,Young,Nudist,Movies,Teens,For,Free,Youngs,Photos,Young,Adult,Nudism,Young,Fuck,Family
,Teen,Nudist,Gallery,Naked,Girl,Videos,Young,Nudist,Girlies
,Teen,Nudist,Porn,Nude,Beaches,Too,Sexy,TGP,Teen,Home,Cam,Tube,Teenag,,Nudists,Lo,Teen,TGP,Young,Tribal,Nudes,Family,Nudist,Movies,Young,Nudist
,Club,Nude,Beach,Album,Lala,Naked,Teen,Ethnic,Tribal,Girls,Post,Your,Girlfriends, ,Young,Nudist,Fun,Naked,Teens,Teen,Naturism,&,Nudism
,Mom,Son,Bed,Family,Nudist,Movies,Bare,Family
,Nudist,Photo,Collection,Public,Flashing,Vids,Naked,Webcam,Videos,Teen,Nudist,Movies,Nudist,Collections,High,Quality,Nudism,The,Young,Nudist
,Nu,Photographer
,Naked,Teen,Videos,Young,Nudist,Play,Will,It,Hurt,African,Girl,Scans,Teen,Nudist,Girls,Group,Sex,Orgies,Low,Girl,Cams,Very,Good,Cams,Naked
,Ethnic,Girls,The,Young,Naturist,Nudist,Beach,Pure,Young,Nudism,Nudisteens,Naturism,Wife,Sex,Orgy,Hot,Fresh,Teens,Good,Nudist,Galleries
,Nudist,Teens,Big,Mature,Breasts,Nude,Beach,Photos,Vintage,Nudist,Videos,Naked,Wife,Videos,Moms,Nudist,Explosion,Thumbed,Nudism,Best,
Mature,Videos,Nude,Beauty,Girls,Public,PussyRacconti di incesto , animal sex , xxx porn , racconti , Storie di sesso incesto, racconti sessuali in famiglia, a scuola, in chiesa , sesso , pompini

Ultime ricerche

Marica: una dea del sesso

Ancora oggi ripensando a quella stagione giovanile intensa e caotica della mia vita privata, rimugino con un misto di dispiacere e con un sorriso ironico, al tempo trascorso insieme a Marica: una donna veramente importante che mi ha fatto godere appieno le gioie del sesso, sia dal punto di vista passionale che carnale, non risparmiando nulla al lato fisico, mentale e sentimentale della mia persona e contribuendo a farmi diventare l’uomo che sono oggi. Come una divinità dell’amore, come Afrodite nell’antica mitologia Greca, Marica rappresentava la potenza irresistibile dell’amore e l’impulso alla sessualità che stanno alla radice della vita stessa e l’incarnazione del più lussurioso e libidinoso amplesso.

Quando la conobbi un pomeriggio d’inverno, preferendola ad una sua amica da tutti considerata bellissima e desiderata e infatuata dal sottoscritto, non ebbi alcun dubbio: il suo ipnotico sguardo, languido e sensuale, la sua figura alta, le sue mani lunghe e le sue dita affusolate come tentacoli, il suo corpo erotico e carnale, la sua intelligenza spicciola e la sua classe dovevano essere mie, dovevo assolutamente averla e possederle, con un senso nell’immediato di bisogno fisico.

L’arte amatoria e del corteggiamento e dell’adulazione, caposaldi del mio modus operandi nel campo delle conquiste femminili, su di lei ebbero l’effetto di farla uscire con me e di frequentarla; la miccia esplose quando nelle nostre prime effusioni amorose di una storia nata per gioco tra noi, mi denudai dalla cintola in giù facendole vedere e sentire la mia prestante eccitazione nei suoi confronti. Uno scambio di sguardi d’intesa al limite dello sconcio e la nostra passione sessuale e carnale non aveva ormai nessun ostacolo: eravamo perfettamente in simbiosi. La definizione usata da lei con le sue amiche nel descrivere il sottoscritto era “ben messo”, come seppi in seguito; questo fatto aumentò a dismisura il mio ego fallocentrico e la mia spavalderia sessuale.

Rimembro ancora, usando un lessico altamente pornografico per ben rendere l’idea, il primo pompino che Marica eseguì come un’opera d’arte al sottoscritto: le lunghe mani che impugnavano l’asta, la voracità della lingua sulla mia cappella che si alternava ai testicoli, la sua bocca carnosa che avidamente ingurgitava il mio turgido pene, i capezzoli del suo seno che si strusciavano oscenamente contro la mia intimità, il tonfo del mio cazzo sbattuto sulle sue labbra e sulle sue guance, il mio lungo orgasmo ingoiato dalla sua insaziabile voracità.

Un ossimoro amava definirmi tra i nostri innumerevoli amplessi, ghiaccio bollente ero per lei: ghiaccio a livello sentimentale, fuoco nella sfera sessuale. Un mare completamente piatto in amore in contrapposizione ad un oceano tempestoso a livello passionale…superficialmente non potevo chiedere di meglio: “E ‘l naufragar m’è dolce in questo mare”, mi venivano in soccorso le rime di un grande Poeta, frutto di una passione giovanile a giustificare il tutto. Sesso spinto senza alcuna complicazione sentimentale, il massimo per un maschio sano dell’allora mia età. Marica si concedeva a tutte le mie voglie, godendo appieno del suo corpo e del mio; io appagavo il suo fuoco senza nessun compromesso o promessa, in completa libertà.

Facevamo l’amore ovunque, con gioia e divertimento, come se fosse la cosa più naturale dell’universo intero: in pieno giorno in un parcheggio pubblico, venendo incontenibilmente in cinque minuti cavalcato dalle sue cosce, ricevendo e dando in qualsiasi momento sesso orale, o la notte copulando furiosamente in auto come due amanti clandestini una, due, tre volte sino allo sfinimento dei nostri giovani corpi.

Una cosa mi colpiva nel suo concedersi carnalmente: la continua ricerca della masturbazione durante qualsiasi amplesso, con una foga tale delle sue lunghe mani affusolate sul suo clitoride, che la portava ogni volta che la possedevo a soglie di piacere altissime. Io stesso cominciai a masturbarmi copiosamente mentre la penetravo, in ogni rapporto, accentuando al massimo i nostri favolosi orgasmi. La nostra confidenza relazionale e fisica aumentò in modo esponenziale, cosa che non appartiene minimamente a due innamorati: mi confessò che da ragazza sicurante aveva perso la verginità applicando quella pratica. Imparai per la prima volta nella mia vita ad ascoltare il godimento del corpo di donna, le vibrazioni e gli impulsi che emanava durante il sesso, ad accentuare e a portare al massimo i picchi del piacere comandati da quel tanto temuto da noi maschi orgasmo femminile; ad assaporare il gusto di ogni fluido e orifizio femminile e a percepirne il profumo.

Indubbiamente piacere genera piacere: spesso accade nella natura umana, inspiegabilmente, come mai paghi sino in fondo, che il semplice gioco sessuale, si trasformi e vada oltre, spingendoci al limite e la complicità diviene esasperata. Come quella volta a Venezia, in una piccola calle, presi da dietro Marica sollevandole le gonne e gustandomi il suo meraviglioso culo portandola ad un veloce orgasmo e venendole in bocca, il tutto accompagnato dal brivido di un passante sconosciuto che ci colse in fragrante.

O quella volta che facemmo l’amore io, lei e due sue amiche a me sconosciute: l’orgia giocosa dei nostri corpi nudi, l’urlo volgare dei nostri gemiti, i nostri lussuriosi baci che si alternavano ora tra uomo e donna, donna e donna, il mio pene che penetrava in successione la carne e l’insaziabile e libidinosa voglia di tre donne, il segno dei nostri liquidi orgasmi, l’estasi e lo sfinimento di banchetto carnale, l’orgasmo procurato da donna a donna.
Ormai non resistevo più alle richieste della mia Dea, come un servile adepto seguivo ogni sua richiesta e ogni sue ordine amplificando al massimo il mio e il suo piacere, ossessionato dalla mia continua voglia di lei. Non paghi ci spingemmo oltre, sino al punto che Marica mi confessò il suo sogno erotico per eccellenza: essere presa contemporaneamente da due uomini. Solamente con me si era aperta a questa intima confessione e grazie a me avrebbe coronato questo suo intimo e osceno desiderio.

Convinsi, con un finto distacco, un mio caro e fidato amico in questa nuova e folle impresa amorosa, spinto e combattuto dal desiderio di possederla senza freni ed inibizioni, nuovamente eccitato dal futuro piacere portato all’estremo. Ricordo ancora l’estasi e l’ardore con il quale la mia Dea si concesse e si deliziò contemporaneamente con due uomini. Si spogliò lentamente in una danza da odalisca, facendo ammirare e donando a noi due virili maschi una visione accecante del suo corpo in calore, ostentando e aprendo oscenamente ogni pertugio della sua carne ai nostri intimi e volgari tocchi. In modo famelico si avventò sui nostri membri terribilmente eretti di fronte a tanta sensualità; ricordo ancora l’arte con cui alternativamente ci masturbava e ci leccava uno alla volta o tutte e due assieme, portandoci a picchi di piacere inauditi, elevando i nostri peni ad oggetti sacri del suo piacere. E come ci ordinava di mangiarla e di leccarla e di masturbarla nella sua umida intimità e nel suo ano, mentre lei a turno continuava a leccare i nostri cazzi, sino a penetrarla alternativamente nella sua carne. Non c’erano regole in queste gioco di sesso di fronte al piacere carnale: io e il mio amico eravamo stupiti ed estasiati da tanta voglia e dagli orgasmi di Afrodite che si succedevano ai nostri poderosi colpi e nel vedere quello splendido corpo di donna completamente in nostro possesso, in un modo che nessuna nostra giovanile fantasia erotica aveva minimamente potuto immaginare.

Non ancora sazia si spinse oltre: mentre il mio amico continuava a prenderla prossimo ormai all’imminente orgasmo, mi donò e mi implorò di penetrarla da dietro tra i suoi splendidi e sudati glutei o come volgarmente mi gridò lei nell’oscenità del momento di prendermi il suo culo. In un turbinio di sguardi lussuriosi, di gemiti osceni, di contatti carnali, di indicibili incitamenti i nostri corpi si fusero insieme. I nostri peni, prima lentamente e poi sempre più decisi, si strusciavano internamente ed esternamente nella sua intimità, che allargandosi inaspettatamente ed oscenamente ci accolse umida ed infuocata. Sentii il mio amico raggiungere un convulso orgasmo vibrando dentro di lei e lanciandomi uno sguardo complice di riconoscenza; sentii Marica contorcersi in un folle orgasmo lanciando completamente la testa all’indietro e serrando al massimo attorno al mio sesso le sue natiche, delirando oscenità, e accentuando ed estremizzando all’eccesso lo sguardo languido e sensuale di quando l’avevo conosciuta, perdendosi completamente nel suo intimo piacere.

Abbassai gli occhi deliziandomi con la vista del mio stesso sesso completamente immerso nella carne di quella Dea soprannaturale e spingendo al massimo il mio corpo e la mia libidine, fui colto da un lunghissimo orgasmo dentro Marica, amplificando all’acceso il mio piacere e gustando ogni spasmo del mio corpo, rimanendone quasi stordito.

Proprio in quell’istante vedendo il mio amico uscire da Marica e lei completamente persa nei suoi pensieri mi resi conto di una cosa, come un fulmine a ciel sereno, come una stretta allo stomaco: per quanto potessi prenderla e possederla in ogni modo e soggiogarla alla mie voglie, lei non sarebbe stata mai completamente mia. Una gelosia assurda si impossessò di me, guardando odiosamente anche il mio incolpevole amico: la desideravo ancora, non sessualmente, ma desiderarlo farla mia, che il suo respiro fosse il mio, che il battito del suo cuore fosse mio, che il suo animo fosse mio; desideravo soggiogare il suo il suo spirito libero. Una morsa attanagliò il mio cuore: l’amavo. Il piacere estremo provato, l’apoteosi dei sensi raggiunta, fece largo simultaneamente al dispiacere e al disincanto più assurdo: stavo quasi impazzendo.

In ogni creatura vivente la dea Afrodite, se vuole, sa accendere il desiderio, che procede come un incendio, travolgendo ogni regola. Al di là delle regole, al di là della giustizia, una forza possente travolge ogni creatura e la spinge a osare ciò che non avrebbe mai osato se fosse stata in senno. Poiché quando ama, ognuno sembra perdere la ragione, e si lascia trascinare dalla passione, quella di Afrodite è considerata una follia appunto, ma di tipo particolare: “i più grandi doni vengono agli uomini da parte degli dèi attraverso la follia, quella che viene data per grazia divina” (Platone).

Confessai la mia follia d’amore a Marica e che il suo ossimoro non era più tale, ma caldo e infuocato nei sentimenti, scommettendo sul gioco d’amore di coppia. Non riuscii mai a capire esattamente, seppur scervellandomi e confrontandomi con lei, cosa Marica provasse nei miei confronti: ancora oggi il dubbio mi assale.

Onora Il Padre E Disonora La Madre

Papà non avrebbe mai pensato di diventare così un giorno: faccia stanca, occhi ingialliti, pochi capelli bianchi sfibrati, il sorriso trasformato in amara smorfia.
Aveva conosciuto mia madre un infuocato ferragosto nella provincia di Trapani, lui ospite di parenti presso villa Caruso, un bed and breakfast situato vicino all’incantevole tonnara di Scopello. La sua stanza si affacciava direttamente sulla scogliera, in barba a qualsiasi regolamento edilizio, il mare quando increspato, dava l’impressione che prima o poi si sarebbe ripreso i suoi spazi. L’odore di gelsomino si spandeva sui vialetti ripidi che inciampavano sulla scogliera appuntita, gli aranceti e piantagioni di limoni coloravano di tinte giallo-arancio il territorio brullo e all’imbrunire il frinire dei grilli si confondeva col frangersi delle onde.
Cosima, mia madre, era una provocante mora: carnagione bruna, un taglio d’occhi arabo, sguardo profondo, accento marcato dal suono però sensuale. Aveva un seno esplosivo della quinta misura, larga di fianchi, ma portava in giro il suo culo muovendo le anche in maniera seduttiva, senza neanche saperlo. Mio padre si innamorò nel primo istante che la vide appoggiata sulla balaustra di marmo del balcone, da quella che scoprì dopo essere una casa lager, con un padre despota, ignorante ed iperprotettivo, violento mai.
Si incrociarono fortuitamente, quel giorno che mia madre aiutando mio nonno a portare su la spesa, ruppe un sacchetto. Ho detto fortuito perché suo padre era forte e robusto, ma un acciacco alla schiena passeggero lo obbligò a chiedere aiuto. “Cosima, scinni e pigghia a spisa!” ordinò. Mia mamma obbedì, non poteva fare altrimenti.
Nino, questa il nome di mio padre, stava andando a prendere l’auto per un’escursione alla Riserva dello Zingaro, ma si fermò volentieri per darle una mano: era la prima volta che i loro sguardi si incrociavano da così vicino. Si chinarono assieme e gli occhi non poterono che finire sul seno esplosivo, le due mammelle era gonfie, allungate e un po’ sudate. Papà si paralizzò e lasciò perdere le melanzane che ruzzolavano un po’ ovunque lungo ai vialetti, mentre mamma lusingata ed eccitata dai suoi occhi penetranti, faceva di tutto per scoprire ancora di più il seno.
“Acchiana!!!” tuonò il carceriere dagli occhi gonfi a fessura, dall’ultimo piano di una palazzina bassa su 3 piani, dipinta di un rosa tenue. L’idillio tra i miei si interruppe, ma fu l’inizio di tutto. Mio padre forse decise già in quell’istante di rapirla e portarla al Nord, dove aveva una casa, un lavoro, un futuro.

Lo fece davvero, sul suo diario non c’è scritto, ma rimanendo incinta subito credo che la scopò come se non ci fosse un domani, facendole andare a fuoco la fregna per ore. Se avesse saputo quanto era cagna, scommetto che a caldo le avrebbe rotto il culo a colpi di minchia abbandonandola tutta colante di sborra in qualche prato sfiorito. Botte, botte e minchia sarebbe dovuto essere il suo motto, ma era troppo ingenuo e innamorato.
Seguirono anni di tradimenti da parte di Cosima, che usò mio padre come appiglio per scappare di casa ed avere una dignità sociale ed economica. Era una femmina focosa, casalinga e dedita alla prole, ma quando voleva sapeva trasformarsi in una insaziabile macchina del sesso, abile gola profonda che non si schiodava fino a quando l’ultimo centilitro di sborra non le era sceso giù per l’esofago. Ci mancava solo la scarpetta. Lo sapevano bene il tecnico della lavatrice chiamato ben due volte per un guasto immaginario o l’uomo che portava su le cassette dell’acqua, che usciva felice dopo averle stappato la bottiglia in culo per ore.
Quando Nino lo scoprì, immagini terrificanti di femminicidio lo perseguitarono per mesi, ma un giorno decise che non sarebbe valsa la pena rovinarsi la vita per lei: l’avrebbe tradita pure lui, odiando solo se stesso, ma amandola all’infinito. Ogni tradimento fu descritto minuziosamente sul suo diario segreto, che un giorno pensò di aver perso, ma gli era caduto semplicemente a pochi metri dall’auto e per fortuna o sfortuna, questo ancora non lo so, lo raccolsi io. Come lo perse non gliel’ho mai chiesto per ovvie ragioni, penso che lo portasse dentro alla ventiquattrore, non credo lo tenesse direttamente in macchina.
In base a quanto ho letto, posso dire che mio padre se la sia spassata e che fosse sotto sotto un grande porco. Di tutti gli incontri ecco l’estrapolato che più mi colpì.
[..]Oggi è venerdì e finalmente sono riuscito a fottere figa, culo e bocca di Denise, la receptionist dell’autorimessa dove portiamo gli autobus la notte. Lei mi ha sempre guardato con occhi tristi, perché sapeva della mia infelice situazione personale, ma avevo usmato che il suo istinto da crocerossina prima o poi mi avrebbe dato grosse soddisfazioni. Lei amava scherzare sempre e mi provocava, ma quando poi si è trovata genuflessa di fronte al mio cazzo eretto pieno di venuzze pulsanti, capì bene che il tempo degli scherni era finito e avrebbe dovuto lavorare bene con la bocca, altrimenti l’avrei sputtanata con tutti i colleghi. Non puoi ironizzare sempre e fare allusioni sessuali, se non sai erogare un pompino perfetto. Cazzo se me lo fece, in silenzio senza dire niente, filamenti di sperma che le colavano dal mento e come un’idrovora sembrava volesse spurgarmi l’anima, che era ferita, ma non sporca. Sul punto di eseguire un magistrale schizzo sugli occhiali neri e squadrati, senza nessuna voglia di intrattenermi in mezzo alle sue cosce, la girai di scatto, le afferrai i seni abbondanti con areole gigantesche e cominciai a dargli dentro come un forsennato, era bagnata, ma ce l’aveva stretta e questa cosa mi faceva godere come un matto, gli occhi quasi mi si giravano all’indietro come gli squali quando divorano le prede, da quanto stavo esplodendo di piacere. Ero tutto sudato, ancora con la camicia azzurra di lavoro con due polmoni d’acqua stampati, ma visto da dietro il mio culetto sodo la stava ininterrottamente pompando da decine di minuti, sembravo un pornoattore al suo primo casting, stupito e gaudente.
In maniera suina le stavo sganciando un canader di sperma in fica, avrei fatto 8 gemelli sono sicuro, ma risparmiai al pianeta Terra il problema della sovrappopolazione e dopo aver lasciato giocare diversi minuti i miei pollici col suo buchetto più stretto, inserii lentamente prima la cappella, ma la sua avida mano lo fece precipitare dentro fino allo stomaco, facendo segno fino dove se lo sentisse, indicando l’ombelico. Forse voleva che lo trasformassi in una bella dighetta di fonte della vita, ma dopo una ventina di affondi ero così stanco e travolto dalla passione che le inondai il deretano, lasciandolo minuti poi a sgorgare come fossero le cascate del Niagara.
Ci rivestimmo in tranquillità, le telecamere a circuito chiuso avevano ripreso tutto, scaricai il filmato e lo conservai al sicuro, il bello di essere anche addetto alla sicurezza dell’hangar.
Come sarebbe stupenda la mia vita, se non amassi una grandissima troia.[..]
Mamma ci abbandonò che eravamo piccoli, disonorando l’unico uomo che l’aveva trattata come una Vera Donna. Noi figli, avremmo continuato ad onorare papà, divulgando la sua storia, amara rivalsa contemporanea di un uomo che amò una sola Donna, riversando al tempo stesso la sua misoginia, figlia di un amore mai corrisposto, nei confronti delle sue donne occasionali.
Amanti che voracemente si nutrirono di quel porco cuore infranto.
A Papà.

Ultime ricerche

RACCONTI EROTICI: Padrona per una notte..

E’ venerdì sera. uscendo dal mio studiosto gia’ pensando che sono pronta a tutto, tranne che rincasare.
Stasera non mi va, stasera non torno.
Le mie figlie sono fuori e lui certamente sta già aspettando gli amici, per la solita notte di poker.
Faccio tutto con comodo; mangio qualcosa alla trattoria che hanno aperto da poco, a pochi isolati dal mio ufficio.
Il parcheggio è pieno, il locale stipato; tuttavia, io sono sola e quindi mi rifilano un posticino piccolo piccolo, nascosto dal classico frigo delle torte gelato.
Tutto è regolare, fin troppo, sino a quando la suoneria di un telefonino mi raggiunge.
Riconosco quella melodia, l’ho già sentita. Da chi, però?
Sbircio tra i tavoli e vedo mio cognato. E’ sua, quella suoneria.
Faccio per alzarmi, … mi accorgo appena in tempo che l’adorato cognatino non sta godendosi la compagnia di mia sorella.
La cosa non mi stupisce più di tanto. Nonostante sia mia sorella, sangue del mio sangue, l’ho sempre ritenuta una donna troppo mite; troppo docile, per come lui si propone. Aspetto quindi l’attimo nel quale lui si gira, per alzarmi, pagare il conto ed andarmene.
Vedere quella scena, però, non mi è assolutamente piaciuto, e, “Se mia sorella è una placida donna, io non lo sono affatto”,penso.
Ripercorrendo la via di casa, decido di chiamarlo. Con la sua voce al telefono, azzardo un “Disturbo?” e un “Dove sei?”
Lui dice “Non disturbi affatto, mia cara, sono ad una cena di lavoro”.
“Dev’essersi alzato in piedi”, penso, a giudicare dal silenzio assoluto attorno a lui.
Da bravo puttaniere, aggiunge “Sapessi che palle, ma sai com’è…”
“Certo, certo!”, gli do corda. “Non voglio trattenerti, volevo solo chiederti se domani mattina
vieni con me “alla soffitta”. Mi hanno chiesto di allestire il locale per la serata fetish e mi rompo , ad andarci da sola. Così mi son chiesta se…”
Neppure il tempo di finire il discorso, che già mi chiede quando vederci. Decidiamo per le 11, davanti al locale. Lo avviso che faremo tardi, probabilmente e che, alla soffitta, non c’è campo, e che il cellulare non prende.
“Non preoccuparti”, dice lui, “avviso Carla”.

Il locale, in realtà, deve essere pronto per la sera di lunedì, e solo io ho le chiavi del portone, e saranno ormai tre giorni che ci sto lavorando dentro.
Arrivo prima di lui, e lo avviso con un sms, dicendogli che non lo aspetto fuori.
Mi spoglio dei miei abiti e inizio a curare ogni mio dettaglio; indosso calze in latex nere, agganciate al reggicalze di un accattivante bustino nero intrecciato sul seno.
Le scarpe, altissime, sono rigorosamente lucide e nere
Ogni cosa ha questo colore; tutto, tranne il mio umore.
Slego i miei lunghi capelli, e mi trucco alla luce della lampada in bagno; fisso i miei occhi, riflessi dallo specchio.
Puntualissimo, lui suona. Mi affretto quindi ad abbassare le luci. La porta si apre, grazie al tiro posto sotto al bancone. Spunta in cima alla scalinata.
“Lucrezia!”
Rispondo “Scendi, sono giù. Aspettami sul palco!”
Grido, e i miei occhi lo osservano. So che ama il fetish. Lo lascio quindi salire sul palco, ad armeggiare con gli attrezzi… immagino che si stia eccitando.
Aspetto un altro po’, ma risalgo la scalinata e chiedo se può farmi da cavia.
“Cosa devo fare, dimmi?”
Mi siedo in un punto buio, e chiedo di indossare le polsiere della croce di Sant’Andrea.
Lui sorride, sembra quasi imbarazzato. Ma io so che lo vuole. Insisto; e, di certo, non fatico.
Il primo polso è agganciato. “Prova a mettere anche l’altro. Ci riesci?”
Lui risponde “E’ faticoso, ma non impossibile”. Di certo, l’eccitazione di quei momenti, lo porta a impegnarsi per agganciare anche la seconda polsiera.
“E… ed ora, spalanca le gambe, e dimmi se sei comodo. Descrivimi cosa provi”
Lui blatera qualcosa. Gli chiedo se è solito fare questo tipo di cose, o se fanno parte solo dei suoi sogni irrealizzati.
 “Ma che dici?”, mi risponde ridendo.
“Perché? Vuoi forse dirmi che mia sorella non ti permette queste cose?”
“No, non è quello, ma sai…”
Io allora inizio a scendere lenta la scala. Lentissima. Non mi vede ancora; io parlo e lui mi risponde.
Mentre scendo, azzardo un “…e così, tradisci mia sorella…”
In un tono perentorio, spara un “Certo che no”.
… mi fermo; predo dalla poltrona le mie fruste e continuo a scendere la scalinata.
Da come mi guarda, deve aver capito (o quantomeno, intuito) le mie intenzioni…
Accenno ad una mezza risata, dicendo che deve star tranquillo. Salgo finalmente sul palco
e mi trovo faccia a faccia con lui. Deglutisce a fatica, mentre, con il frustino, lo accarezzo tra le gambe. “Gradisci della musica?”.
Ma nemmeno aspetto la risposta; e già una musica blues accompagna il mio gioco.
Come una pantera, giro attorno alla croce, godendomi la sua espressione di curiosità e paura.
Mi fermo dietro a lui; le mie mani tirano i capelli verso me. “Mi fai male! Sei matta? Dai, smettila!”
“Oh no, non lo sono. La matta è mia sorella, ogni volta che ti crede!”
“Scusami , ma proprio non ti capisco. Se è uno scherzo, ti dico che sta diventando di cattivo gusto!”
“Ah, si??”
Torno davanti a lui, e prendo a slacciargli la camicia. Le unghie gli solcano il collo, fino ad arrivare al petto. So che non mi importerà nulla, di ciò che mi dirà. Delle preghiere che urlerà.
Con una mano afferro decisa i suoi coglioni, chiedendogli se li ha, e vuole essere così gentile da tirarli fuori.
“Slegami, liberami!”. Io lo rassicuro, “Tranquillo, lo faro”.
Il suo sesso ormai è duro, decido così di liberarlo. Passo la frusta sulla cappella e, ogni tanto, lo schiaffeggio. Passo la mia lingua, lenta, sul collo. Mordo i bordi delle sue labbra.
“Che ne dici, vuoi essere il mio cane?”
Gli faccio indossare il collare ed il guinzaglio. Scatto qualche foto.
“Mi spieghi, perché a me?”
“Semplice. Sono la parte peggiore di mia sorella. Sono ciò che lei non avrà mai il coraggio di essere. Ricordi quante volte mi ha detto che ero il suo opposto?”
E continuo. “Ed ora dimmi: ieri dov’eri?”
Lui dice “Ad una cena di ….”
La mia mano strinse nuovamente i coglioni.
“Dove, scusa?”
“Si, devi credermi”, arrendendosi ai miei desideri.

Inizio a slacciare la prima manetta dal suo polso. Cerca di scagliarsi contro di me.
“Stronza, sei una stronza!”
Scoppio a ridere e gli ricordo che la padrona sono io, e che non sarebbe facile spiegare certe foto a quella perbenista di mia sorella.
e dico “se devo essere sincera, nemmeno la serata di lavoro che hai trascorso, guarda caso, con quelle due puttanelle”
Il mio gioco prosegue
“…ed ora inginocchiati!”. Lui capisce che non scherzo. “Anzi, sai che ti dico? Spogliati, ed indossa quel paio di pants nere. Spicciati!”
Lui dice “Ma… ! Posso spiegarti…”
“Ti ho detto, spogliati”
Veloce si toglie ogni cosa, e lo ritrovo come il migliore dei cagnolini ai miei piedi.
“Ed ora vieni, andiamo a fare un giro per la sala”.
Salgo e scendo sulla gradinata per quasi 5 minuti, poi lo porto verso il bancone del bar. Riempio con dell’acqua il secchiello del ghiaccio e lo faccio bere come avrebbe desiderato il mio cane.
Seduta sullo sgabello, dondolavo la gamba. “Ehi cane! Ti piace la gamba della tua Padrona?”
“Certo, moltissimo!”. Lo colpisco con il piede, ricordandogli che era un cane e perciò non poteva parlare. “Avvicinati, ora”. Faccio così; due carezze sotto al suo mento, mentre lo accarezzo tra le gambe con la scarpa.
 “Se ti piacciono le scarpe della tua Padrona, potresti dimostramelo …del resto, ti manca solo la parola, questo si sa”. Non se lo fa ripetere.Inizia a passare la sua lingua lungo il tacco a spillo.
“Bravo, bene continua … mi piace vederti così!! Ti prometto che, quando avrai finito, avrai una ricompensa”. La sua lingua consuma le mie scarpe, sino ad eccitarmi. Mi diverto, a passare sui miei capezzoli e sopra la sua schiena, il ghiaccio del frigo bar. Vedo i brividi scorrere sul suo corpo e questo mi fa impazzire. “Ora stai fermo. Da bravo, stai seduto su due zampe”.
Mi siedo così, comoda sul bancone, e appoggiando i piedi sugli sgabelli, prendo a fargli vedere cosa sapevo fare con quel frustino. Non mi toglie gli occhi di dosso, la sua bocca quasi sbava. Io inizio a far scivolare il manico del frustino sotto lo string di latex, divertendomi a far schioccare gli elastici del reggicalze, a fargli ricordare che ciò stava vivendo, non era un sogno.
“Ora riprendi da bravo, a leccare”
Riparte così dal piede, ma, preso da un raptus di voglie, si ritrova presto con il viso tra le mie cosce.
“Ehi, ma come osi! Vergognati!”. Lo frusto più volte sulle natiche, per poi dirgli che, forse, ero stata troppo cattiva e che per farmi perdonare, gli avrei permesso di tornare con il suo muso tra le mie gambe. La sua lingua allora raggiunge la mia natura. “E’ bravo”, penso stronzamente. “Persino sprecato, per quella santa donna di mia sorella”.
“Voglio alzarmi, spostati!”. Come una cagna scodinzolo il culo vicino al suo viso.
“Che aspetti? Non mi vuoi?”. Come una furia, le sue mani mi prendono sui fianchi. Mentre lo string stava scivolando a terra, mi giro, mordendo la sua bocca e il suo collo.
Voglioso, finiva di liberare i seni dal bustino, mentre la mia lingua indecente lo cercava, godendo ad ogni suo cedimento.
“Forse mi aveva sempre desiderata”, penso.
Inizio a camminare, di nuovo, portandolo a 4 zampe, verso i divanetti. Metto al centro del salottino di specchi, e lo supplico di fare quel ciò che un cane avrebbe fatto.
Con violenza mi prende. Mi gira con il viso rivolto verso lo schienale. Sento finalmente mordere la mia schiena, il mio collo. Schiaffeggiare il mio culo; sembrava ed ansimava veramente come un cane.
Montandomi come un ossesso, avrebbe voluto dirmi tanto, lo sentivo. Ma sapeva che sarebbe stato peggio. Continuava così, in quel possedermi, sino a sfilarlo, e venirmi sulla schiena.
Era stato bravo, dovevo ammetterlo. Slaccio il suo collare e riprendo a salire la scalinata.
“Vai, sei libero” gli dico, mentre divertita gioco con la frusta.
Eppure…non sono ancora soddisfatta …

Ultime ricerche