Tag: racconti sesso bar

racconti sesso bar

SPINGERSI OLTRE

Quelle poche indicazioni ti dicono già tutto: parcheggia, sali le scale, la porta sarà aperta, entra e richiudila alle tue spalle.
Sento il tuo passo che si avvicina, il rumore dei tacchi che cerchi di attenuare per un finto pudore, la serratura della porta che scatta appena accompagnata per fare piano. Ora sei lì ferma per un istante rivolta verso quell’ingresso che hai appena attraversato, le mani ancora appoggiate una sulla maniglia e l’altra sul pannello della porta. Sembra quasi che sia sfuggita al pericolo, invece tu stessa sai che il vero timore dell’ignoto è ora alle tue spalle; lì c’è quel desiderio di affidarti, di sperimentare e scoprire.
Ti volti e quella busta che penzola proprio davanti ai tuoi occhi fa scattare l’adrenalina fino a seccarti la gola, contiene le istruzioni che eseguirai alla lettera, le regole del gioco, contiene la chiave per uscire quando vuoi, è la tua garanzia, è il tuo desiderio di spingerti oltre: è quello che desideri,ora comincia il tuo viaggio.
Lo so, mentre ti sfili l’abito attillato e lo lasci cadere sulla panca, mentre togli orecchini e bracciali ti chiedi dove sono, in quale angolo di quella stanza che non conosci, quale penombra è la mia complice. In quella veste fatta di un completino nero e di un reggicalze che incornicia tutta la tua femminilità muovi i pochi passi che ti separano da quella parete. Uno, due, tre,quattro. Un percorso infinito prima di metterti fronte al muro, stringendo nella mano un paio di calze nere che ti era stato ordinato di portare, ti appoggi alla parete… un respiro …”Sono pronta”.
Mi avvicino senza sfiorarti, avverti solamente il calore del mio respiro sul tuo collo, senti come se il mio sguardo ti riscaldasse la pelle, capisci che ti sto ammirando, ti scopro. I palmi delle mani sul dorso delle tue, con delicatezza prendo una delle calze che hai portato ed inizio a bendarti. Chini leggermente la testa all’indietro e la luce si spegne. Mi assicuro che ti senta tranquilla e per risposta ti giri di scatto buttandomi le braccia al collo: il tuo cuore trasmette tutto il desiderio con pulsazioni impazzite.
Non hai il tempo di capire e sei già sollevata da terra, attraverso stanze a te ignote, senti odori, calore, freddo, scale, è un susseguirsi di luoghi che non ti appartengono e che la tua testa trasforma in un labirinto, finisce solo quando ti senti appoggiare su un letto. Un istante di quiete e subito i tuoi polsi e sono avvolti da morbide corde, capisci subito le conseguenze: sei legata. La testa si sforza di intravedere un barlume di luce ma è inutile, ora nella tua immaginazione vedi solamente una candela, forse più di una… e poi il buio tuo complice.
Le mani sul tuo corpo interrompono ogni pensiero, calde e decise sollevano di poco la tua nuca, ti bacio avidamente. Mia, come la mia preda nella tana, un mezzo sorriso restituisce tutta la tranquillità dopo quei baci: mi dici “baciami ancora!”
Ma non sei nella condizione di dare ordini, scopro il sapore della tua pelle, il turgore dei seni tra le labbra, il calore del respiro mentre scendo e risalgo; indugiando a lungo sui bordi della biancheria: confine tra il desiderio e la realtà.
Bagnata, fremi perché ti penetri mentre con la lingua esploro la tua intimita’, ti stuzzico, affondo; esplodi in un orgasmo che portavi dentro da troppo tempo.

Vedere la tua schiena inarcata, sentire i gemiti, sapere che quei legacci sui polsi ora sono i tuoi complici per aggrapparti mi eccita.
Intingo nella tua bocca un piccolo butt plug in metallo, lo senti freddo, lo inumidisci e quasi sei restia a lascartelo sfilare perché sai che è destinato al tuo lato b; con delicatezza e fermezza lo senti poco dopo mentre affonda tra le tue natiche, si incontra con due dita che ti penetrano la vagina senza ritegno: ti chido “chi sei?”, dillo… quando rispondi “sono la tua puttana” sto già indugiando col mio cazzo tra le labbra di quella figa umida e vogliosa.
Ti scopo con decisione, è quello che voglio, è quello che vuoi. Vieni di nuovo, vengo anch’io dentro di te.
Qualche secondo in cui i nostri respiri sono all’unisono, ti sciolgo i polsi, tolgo la benda.
Ti bacio, mi baci
Buonasera…
…Buonasera… a te

Tag: inculate gratis, inculate gratis, inculate gratis, ventenni incesto, ventenni incesto
, ventenni incesto, film porno animali, film porno animali, film porno animali, pornostar labrador, pornostar labrador, pornostar labrador
, webcam storie vere, webcam storie vere, webcam storie vere, universitarie scarpe, universitarie scarpe, universitarie scarpe, raccontieroticigratis
, raccontieroticiincesto, raccontieroticianimali, raccontieroticilabrador, raccontieroticistorievere, raccontieroticiscarpe, racconti erotici gratis
, racconti erotici incesto,Teen,Nudist,Photos,Young,Nudist,Teen,Nudist,Sauna,Young,Nudist,Sex,Nudist,Family,Log,Teen,Nudist,Age,Nudist,&,Nudism,Teens
,Young,Girl,Orgasm,Kind,Nudist,Girls,Kind,Nudist,teen,Nudist,Fruit,Tube,Young,Sex,Pure,Nudist,Hairy,Nature,Girls
,Vintage,Teen,Nudism,Uncensored,Nudist,Films,Shy,Cam,Teens,Sweet,Teen,Nudists,Swiss,Beach,Nudism,Young,Nudist,Pictures, ,Teen,Nudist,Archive
,Too,Good,TGP,Young,&,Hairy,Nudism,Nudist,Gallery,News,Nudist,Girls,Videos,Nude,Beach,Teen,Nudist,Teen,Pics,Teen,Nudist,Porn,Nude,Model,Pic,Family,Sex
,Orgy,Teen,Nudist,Images,Real,Voyeur,Sex,Little,Nudist,Worl,Young,Family,Nudism,Young,Lover,Nude,Young,Lip,Cams
,Family,Nudism,Teen,Nudist,Pics,My,Hidden,Cam,Tape,Sexy,Cam,Teens, ,Categorized,Galleries,Young,Hairy,Nudist,Young,Nudist,Friends,Scooby,Tube
,Family,Fucked,Nudist,Show,Pure,Teen,Nudism,Nudist,Sun,Freikorperkultur,Videos,Underground,Videos,Teen,Loca,TGP,Active,Voyeur,Teen,Nudist,Pics,Nudist
,Youth,Colony,Teen,Nudist,Tube,Nudism,Tube
,Nudist,&,Naturist,Girls,Lil,Nudist,Undies,Soshit,Naked,Cams,Young,Nudist,Movies,Teens,For,Free,Youngs,Photos,Young,Adult,Nudism,Young,Fuck,Family
,Teen,Nudist,Gallery,Naked,Girl,Videos,Young,Nudist,Girlies
,Teen,Nudist,Porn,Nude,Beaches,Too,Sexy,TGP,Teen,Home,Cam,Tube,Teenag,,Nudists,Lo,Teen,TGP,Young,Tribal,Nudes,Family,Nudist,Movies,Young,Nudist
,Club,Nude,Beach,Album,Lala,Naked,Teen,Ethnic,Tribal,Girls,Post,Your,Girlfriends, ,Young,Nudist,Fun,Naked,Teens,Teen,Naturism,&,Nudism
,Mom,Son,Bed,Family,Nudist,Movies,Bare,Family
,Nudist,Photo,Collection,Public,Flashing,Vids,Naked,Webcam,Videos,Teen,Nudist,Movies,Nudist,Collections,High,Quality,Nudism,The,Young,Nudist
,Nu,Photographer
,Naked,Teen,Videos,Young,Nudist,Play,Will,It,Hurt,African,Girl,Scans,Teen,Nudist,Girls,Group,Sex,Orgies,Low,Girl,Cams,Very,Good,Cams,Naked
,Ethnic,Girls,The,Young,Naturist,Nudist,Beach,Pure,Young,Nudism,Nudisteens,Naturism,Wife,Sex,Orgy,Hot,Fresh,Teens,Good,Nudist,Galleries
,Nudist,Teens,Big,Mature,Breasts,Nude,Beach,Photos,Vintage,Nudist,Videos,Naked,Wife,Videos,Moms,Nudist,Explosion,Thumbed,Nudism,Best,
Mature,Videos,Nude,Beauty,Girls,Public,PussyRacconti di incesto , animal sex , xxx porn , racconti , Storie di sesso incesto, racconti sessuali in famiglia, a scuola, in chiesa , sesso , pompini

Ultime ricerche

che gran zoccola la contessa

La contessa Francesca Maria Felicita Serbelloni Vien du Marrais posò le “Relazioni pericolose” a faccia in giù sul lettino e si guardò attorno.
Ormai la limonata, sul tavolinetto era tiepida e imbevibile.

Cercò con gli occhi la Marta. Non era a portata di voce, ma non aveva né la voglia né la forza per alzarsi. Sperò che per qualche insana ragione uscisse dalla frescura della casa o fosse sorprendentemente così intelligente da pensare che Lei avesse qualche necessità… Si fermò ad osservare con un pizzico di ammirazione il giardiniere che, imperterrito, continuava ad accatastare legna, rami, erba secca e altri vegetali vari al limitare della radura. Sembrava che per lui il caldo non esistesse. Comunque la sua schiena luccicava di sudore.
Non aveva capito se fosse a causa del caldo o di quello che stava leggendo, ma il suo costume mostrava inequivocabilmente che la sua passera sudava. Si alzò stancamente, strisciò verso il bordo della piscina e si lasciò cadere all’interno. Ormai era la terza volta che provava a rinfrescarsi ma aveva notato che l‘acqua diventava sempre più tiepida. Consultò l’orologio e constatò, con fastidio, che il tempo stava volando.

Alessandro aveva finito di accatastare le sterpaglie e aveva acceso gli arbusti. Il fuocherello iniziale era cresciuto velocemente. Sarebbero diventate cenere in breve tempo, sotto il suo sguardo vigile che controllava la combustione.

Non aveva intenzione di salire dall’altra parte dove c’era la scaletta, perciò, anche se con un certo sforzo, si tirò su e si avviò verso il patio. Nel breve tragitto le sembrò di essere già asciutta: entrò nell’ombra e senti subito che, in effetti, non lo era affatto.
Attraverso la vetrata vide Marta che stava spostando alcune sedie. Sicuramente aveva già predisposto quanto necessario per la serata. Lei francamente non ne aveva assolutamente voglia, ma ormai era un’abitudine consolidata: il 14 Luglio era ormai la data del rinfresco di mezza estate di casa Serbelloni.

Non che gli invitati le fossero particolarmente antipatici, erano ormai tutte vecchie carampane ammuffite, le “amiche” della mamma, buonanima. Solo la Vale aveva meno di sessant’anni e solo per la sua presenza, sempre inequivocabilmente sopra le righe, si riusciva ad avere una decente presenza maschile.
L’anno prima si era presentata con un bellissimo vestito blu elettrico, leggerissimo, trasparentissimo e senza dubbio osceno. Man mano che gli occhi degli uomini la fissavano, lei si eccitava sempre più. I capezzoli cercavano di forare il vestito e si vedevano queste bellissime, gonfie fragole. Aveva fatto arrapare tutta la popolazione maschile, compresa quella che non poteva ormai più far danni.
Alle 10 era scomparsa; mi descrisse con dovizia di particolari come si era fatta ripetutamente sbattere da tre signori non più giovanissimi, ma ancora attivi. Con somma gioia aveva potuto constatare che in effetti uno dei tre, con papillon e scarpe di vernice, era dotato di un magnifico cazzo over-size che l’aveva servita “regalmente”. Li aveva gustati a lungo sul lettino in fondo alla radura, il grosso in figa, un altro stabilmente tra le labbra ed il terzo a smanettarsi poco lontano. Dopo il primo “giro” tra le sue cosce, due dei tre l’avevano “sentitamente ringraziata” e si erano fatti di nebbia.

Era allora che il suo “stallone bianco” come l’aveva definito lei, aveva dato il meglio di sé. Le aveva preso la nuca a piene mani e posizionata sul salsicciotto un po’ barzotto. Capendo subito le sue intenzioni, lusingata dell’effetto che faceva sul navigato compagno, aprì subito la bocca e si apprestò a quello che lei pensò fosse un impegnativo duello.
Come si sbagliava. Lo sentì quasi subito riprendere vigore e man mano che si ingrossava faceva il suo lavoro con sempre maggiore difficoltà. Il profumo del cazzo uscito pochi secondi prima dalla sua passera, il sapore dolciastro dello sperma ma soprattutto la compattezza e grossezza dei suoi coglioni la inebriavano. Cercò con gli occhi il viso dello stallone: sorrideva beato del suo cazzo ormai marmoreo. Pochi secondi e si ritrovò nella stessa posizione di prima. Si preparò a gustarsi la seconda pecora della serata.
Poi il sangue le defluì dal cervello e le si offuscò la vista. Le aveva appoggiato velocemente, troppo velocemente, la cappella al buco e aveva spinto.
Le aveva contemporaneamente comunicato la sua intenzione di incularla e quando la cappella era entrata, lei aveva visto le stelle.
Aveva resistito, strozzato l’urlo che le era salito in gola, ed era crollata sulle braccia cercando di disarcionarlo: senza effetto. Ne aveva dovuto aver inculate un bel po’, perché sapeva come rimanere ben saldo. Era entrata solo la cappella: le disse di star calma, ferma e di aspettare. Le comunicò che il più era fatto. Quando l’aveva scopata, poco prima, aveva visto il suo forellino che si apriva ad ogni spinta, che non facesse la santarellina…l’aveva già dato via da un po’….
Era vero, ma la stazza dei suoi precedenti … non era quella dello stallone; non era stupida e cercò di rilassarsi un po’, nonostante il dolore. Il suo primo sverginatore le diceva di spingere in fuori per farlo entrare. Fece così, ma non le sembrò che il dolore migliorasse.
Si accorse dopo qualche secondo che invece un successo lo aveva ottenuto.
Ora aveva i coglioni dello stallone che sbattevano sulle labbra della figa. Ormai aveva il buco anestetizzato dal troppo dolore.
L’aveva sfondata?
Stava sentendo che aveva cominciato a tirarlo lentamente fuori e lei cercò di cagarlo fuori definitivamente. Era una opzione…ma il bastone ormai aveva aperto una strada, era duro, enorme e aveva trovato un ritmo. Lo prese bene, stavolta, con poco dolore e quando sentì che i coglioni le sbattevano ritmicamente sulla figa, capì che forse si sarebbe potuta divertire. Allungò la destra sotto di sé e prese tra le dita le labbra della passera, le strinse e sfregò i polpastrelli sul grillo con forza, quasi con violenza.
Infilò il medio in profondità, fin dove poteva e sentì distintamente il cazzo che entrava e usciva.
Un po’ di dolore c’era ancora, ma la sensazione del cazzo che le stava aprendo il culo era sublime: si aiutò ancora con la destra e al suo cavaliere la mossa piacque molto, la incitò, dicendole che se lei era d’accordo l’avrebbe servita per un po’… quando uscì completamente e glielo rimise in figa le partì un orgasmo lunghissimo che lei cercò, oltretutto riuscendoci, di ampliare con un robusto massaggio al grilletto.

Stava per crollare rilassandosi, quando senti con stupore che il porco non aveva finito: sentì la cappella rientrarle in culo, senza ostacoli di sorta. La fece girare un poco sul fianco e cominciò la vera cavalcata. Sapeva che questa volta non si sarebbe fermato, né avrebbe cambiato canale. Così fu.
Le venne lungamente in culo e lei sentì distintamente la durezza del cazzo gonfio e ciò che le riversava dentro. Anche se era venuto continuò ancora un po’ e la sensazione del cazzo che lentamente si sgonfiava non fu affatto spiacevole, ora l’inculata era più delicata, leggera.
Spinse leggermente per farlo uscire e ci riuscì facilmente.
Lui, da grandissimo porco le chiese di spingere fuori, voleva vedere il suo sperma uscirle dal culo.
In un primo momento si scandalizzò ma poi… dopotutto aveva appena finito di incularla duramente e lei aveva goduto come poche volte, perché no? … spinse.
Il rumore dell’assordante scorreggia condita con spruzzi di sperma li colse impreparati e dopo una frazione di secondo di stupefatta sorpresa cominciarono a ridere come ragazzini. Più ridevano, più si guardavano in faccia e ricominciavano a ridere.
Lui si lasciò cadere al suo fianco e cominciò ad accarezzarle il seno. Le mormorò all’orecchio che anche se rotto suonava bene … prese cavallerescamente il pugno che lei le aveva dato imbronciata e si accoccolò a cucchiaio dietro di lei. Gli chiese di essere discreto e lui garantì per sé, ma anche per i suoi due amici: sapevano come comportarsi. Le chiese se lei era solita non portare intimo ma lei ridacchiando confessò che quella sera aveva bisogno di sesso. Si accordarono per andare via subito: lei non era in condizioni tali da potersi ripresentare alla festa.

Quando aveva finito di raccontare, la Vale le aveva ricordato che l’anno prima, dopo la festa, era restata in casa per un paio di giorni. Le aveva confessato che non riusciva quasi a camminare, da come aveva il culo bruciante. Ad un certo punto si era preoccupata veramente poiché il gonfiore non accennava a passare. Il suo stallone aveva telefonato tutti i giorni, un po’ preoccupato anche lui. Temeva di aver fatto dei danni. Lentamente tutto ritornò “quasi” come prima. Il suo cavaliere le diede qualche “dritta”, alcune indicazioni, e un paio di cremine adeguate (era farmacista). Passarono insieme tutta l’estate, l’autunno e parte dell’inverno. Da come ne parlava Vale doveva essersi divertita molto. Francesca si ripropose di ritornare sull’argomento poiché aveva la curiosità di conoscere le “dritte” e le “indicazioni”. Lei così non lo aveva mai fatto: anche se quando si masturbava aveva accarezzato spesso il buchino e le era piaciuto molto. Quella sera Vale sarebbe venuta, ma le aveva chiesto esplicitamente di non fare la ragazzaccia e di comportarsi da tranquilla “zitella” come la chiamava scherzosamente.

La Marta aveva quasi finito. Le chiese quando sarebbe giunta la ditta del catering e la Marta le garantì che aveva già telefonato. Per le dieci sarebbe stato tutto pronto; comunque, come gli altri anni, sicuramente nessuno si sarebbe presentato prima delle dieci e mezzo. Alessandro aveva finito di ripulire la radura dietro la villa ed era scomparso: sicuramente era in dependance a farsi la doccia, a cambiarsi per la serata: avrebbe dovuto accogliere gli invitati. Salì verso il piano superiore per cambiarsi. Mentre saliva le scale, vide che dietro la dependance c’era Alessandro che aveva pensato bene di darsi una prima sommaria ripulita con la canna dell’acqua che usava per il giardino. Era nudo e la Franci si spostò un poco per non farsi vedere nel riquadro della finestra. Notevole, il ragazzo aveva un fisico notevole. Cercò di vedere come era messo ad attributi: era di fianco e non riusciva a capire. Con suo grande disappunto ora si era girato, vedeva solo il culo e le spalle. Girati, pensava … dai girati… fammi vedere quanto ce l’hai grosso… niente da fare… si era piegato, chiuso l’acqua, rialzato ed entrato nella porta sul retro. Maledizione, era nudo e non ho visto quasi niente, pensò.

Andò liscio quasi tutto. Il solo imprevisto fu l’arrivo, non atteso ma gradito del consorte. Nei tre anni di matrimonio si era fatto vedere, alla festa di luglio, solo la prima volta: solo per gustarsi i complimenti per il restauro della “magione” dei Serbelloni. Con quello che gli era costato….
Giuffredo Esposito aveva fatto fortuna. Ma quel nome e cognome gli stavano stretti. Sposandosi con la Franci aveva raggiunto il suo scopo. Ormai tutti i conoscenti e nell’ambiente, lo chiamavano (talvolta un po’ ironicamente) “Il Conte” e soprattutto aveva un po’ stornato i sospetti sulle sue tendenze: che fosse esclusivamente omo era noto solo ad una ristretta cerchia, oltre che a Franci, naturalmente.
Il loro accordo prevedeva un “matrimonio bianco”. Lui metteva i soldi e lei il titolo nobiliare. Esposito le aveva chiesto di non farsi amanti ufficiali od ufficiosi e di essere discreta per qualche anno. Non pretendeva che diventasse monaca, solo che non lo facesse spudoratamente. Aveva avuto informazione che la contessa era stata molto discreta. Un paio di fugaci “trasferte” durante una gita a Roma (con una vecchia conoscenza …) e a Verona con un giovanotto probabilmente a pagamento. Il suo informatore sospettava inoltre, senza prove concrete, che non disdegnasse una “rimpatriata” con qualche amica fidata. Ma le scappatelle in questione erano sempre avvenute a casa delle signore e anche se aveva passato la notte da loro, non era detto che avessero ….. consumato. Anche se certi atteggiamenti molto “intimi” lasciavano pochi dubbi…. Meglio così.

Quando il consorte le chiese di parlarle in separata sede e lontano da orecchie indiscrete la Franci capì che era qualcosa di importante.
Quello che la sorprese, nell’atteggiamento del suo “marito” fu “l’ira funesta che infiniti addusse lutti ai parenti” come disse lui. Alcune analisi avevano rivelato che non era al massimo della forma (a 74 anni, pensò lei, e con la vita che faceva…) e non voleva assolutamente che i “bastardi, benpensanti baciapile di merda” come definì i suoi parenti napoletani, potessero cercare di ereditare qualcosa: inoltre non gli dispiaceva pensare alla faccia dei suoi compari quando l’avessero saputo….

Le disse che da quel giorno desiderava ardentemente che…. si facesse, riservatamente, adeguatamente fottere fino a rimanere incinta. Quando ciò si sarebbe verificato le avrebbe fatto ricevere un vitalizio di cinquemila euro al mese e un lascito alla sua morte tale per cui “potrai fare la signora tutta la vita”. Sapeva che Esposito era molto riservato su certi argomenti, ma si azzardò lo stesso a chiedergli se era una cosa grave: lui nicchiò un attimo, ma poi le confidò che era un problema circolatorio. Nulla di grave ma era meglio tutelarsi prima. Come le aveva detto non aveva intenzione di sovvenzionare a vita quei parassiti. Le diede un buffetto su una guancia, quasi affettuoso e le disse di divertirsi.
La contessa lo guardò e cercò sul suo viso qualche segno di turbamento, ma le sembrò un uomo assolutamente sereno. Che le avesse detto quelle cose, che si fosse espresso in maniera così tranciante verso i suoi parenti, la turbò non poco. Inoltre non capiva se questa senile voglia di paternità fosse dovuta più ad un desiderio di danneggiare gli altri piuttosto che far in qualche modo felice sé stesso. Le chiese inoltre la sua disponibilità, verso la metà di settembre a presenziare insieme a lui ad un importante avvenimento mondano all’Ambasciata Americana a Parigi. Poteva essere molto importante per i suoi affari e lei accettò senza fare trasparire troppo il suo entusiasmo.

La serata si concluse in maniera assolutamente noiosa, Esposito era risalito in macchina, dopo il colloquio e se ne era andato via così come era venuto. La Vale le aveva fatto ciao con la manina e scortando la nonna ottuagenaria aveva preso la strada di casa. All’una l’ingresso della villa era sgombero da auto, il patio silenzioso e triste, con bicchieri sparsi qua e là, la radura sul retro deserta. La Marta stava raccogliendo i resti del cibo dalla tavola e Alessandro i bicchieri sparsi in giro.
Ripensò a quello che le aveva chiesto di fare Esposito e mentre si apprestava ad andare a letto, passando davanti allo specchio del bagno si fermò a guardarsi.
I capelli ramati gli occhi un po’ allungati e verdissimi, il seno ancora alto e pieno faceva di lei un boccone molto appetibile, pensò: lentamente si girò a guardarsi il culetto. Non lo aveva matronale, sembrava quello di ragazzino.
Si, pensò tra sé: era ora di divertirsi, autorizzata, peraltro da colui che le aveva consentito di vivere alla grande. Cosa poteva volere di più? Non più solo la lingua infernale della Vale. Avrebbe preso cazzo.
Alla grande, anzi in quantitativi massicci. Si addormentò dopo essersi sfinita con un paio di orgasmi: il primo, per scaldarsi, con la fedele manina. Non le bastò: allungò la mano sotto il cuscino, accese il vibratore e se lo infilò dentro la figa, già allagata, lo mise al massimo, si pose a pancia in giù incrociando le gambe per sentirlo meglio stringendolo e mentre il giocattolino le faceva salire il climax si aiutò con il dito sul grilletto. Il godimento arrivò devastante, le contrazioni spasmodiche dell’orgasmo le fecero uscire il dildo, che ormai aveva espletato il suo lavoro.
La mattina dopo si svegliò troppo presto.
Non aveva nessuna intenzione di alzarsi, allungò la mano a cercare il vibratore, si leccò le dita per inumidirsi la figa, lo infilò e senza accenderlo, cominciò a lavorarsi. Quando si sentì vicina al punto di non ritorno si fermò. Lo fece più volte: la mattina si masturbava con calma, voleva che le bastasse sino a sera….
Si riaddormentò.
La svegliò il rumore della motofalciatrice, lontano, ma ugualmente antipatico, ostile. Si alzò con l’intenzione di chiedere ad Alessandro perché aveva iniziato così presto: prima di arrivare alla porta, però, si rese conto che il sole era abbagliante. Guardò l’orologio e si domandò come mai la Marta non le avesse portato la solita colazione. Fece mente locale e si rese conto che probabilmente le stoviglie della sera precedente l’avessero distolta da quell’incombenza. Si allacciò la vestaglia e pensò che forse era meglio così. La sera prima aveva sbocconcellato un po’ troppo e se avesse saltato la colazione la sua linea non ne avrebbe sicuramente risentito! Aprì la vestaglia e si rimirò nuovamente allo specchio. Si avvicinò per vedere meglio tutti i particolari: il seno era tonico, ancora bello alto, lo soppesò con le mani girandosi un po’ di lato per vederlo di profilo. Sì, faceva la sua porca figura. Si girò di fronte, allargò un po’ le gambe, erano lisce e curate, senza inestetismi né cellulite. Si chiese se fosse il caso di curarsi un po’ di più il pelo della passera.
Da “quasi rossa” quale era lo aveva lungo e a cascatella: alla Vale piaceva molto separarlo con la lingua e talvolta glielo prendeva a piene mani tirandoglielo un po’. Ma si sa che gli uomini sono strani e a taluni piace di più la passera implume. La Vale l’aveva così e affermava che a quei porci di uomini dava l’idea di scoparsi una teen implume e ciò li infoiava da matti. Se lo diceva lei…
Decise di chiederle consiglio e di raccontarle la sua nuova libertà. L’aveva già consigliata bene quando aveva ricevuto la proposta di Esposito. Ora che poteva gustarsi cazzi a volontà aveva però il problema di cercarsi quelli giusti. Nella sua cerchia era escluso: i papabili era pochi, stronzetti e con la lingua lunga. La Vale invece, col suo lavoro, aveva un giro diverso, scopava con diversi galletti e se gliene avesse consigliato qualcuno…
D’estate erano praticamente inseparabili, la Vale si occupava di turismo invernale e fino a Ottobre e oltre la stagione era praticamente morta; il telefono, invece, squillò a lungo prima che la voce impastata della Vale le rispondesse. Fece orecchie da mercante alle sue proteste e le disse di arrivare per pranzo.

Tag: inculate gratis, inculate gratis, inculate gratis, ventenni incesto, ventenni incesto
, ventenni incesto, film porno animali, film porno animali, film porno animali, pornostar labrador, pornostar labrador, pornostar labrador
, webcam storie vere, webcam storie vere, webcam storie vere, universitarie scarpe, universitarie scarpe, universitarie scarpe, raccontieroticigratis
, raccontieroticiincesto, raccontieroticianimali, raccontieroticilabrador, raccontieroticistorievere, raccontieroticiscarpe, racconti erotici gratis
, racconti erotici incesto,Teen,Nudist,Photos,Young,Nudist,Teen,Nudist,Sauna,Young,Nudist,Sex,Nudist,Family,Log,Teen,Nudist,Age,Nudist,&,Nudism,Teens
,Young,Girl,Orgasm,Kind,Nudist,Girls,Kind,Nudist,teen,Nudist,Fruit,Tube,Young,Sex,Pure,Nudist,Hairy,Nature,Girls
,Vintage,Teen,Nudism,Uncensored,Nudist,Films,Shy,Cam,Teens,Sweet,Teen,Nudists,Swiss,Beach,Nudism,Young,Nudist,Pictures, ,Teen,Nudist,Archive
,Too,Good,TGP,Young,&,Hairy,Nudism,Nudist,Gallery,News,Nudist,Girls,Videos,Nude,Beach,Teen,Nudist,Teen,Pics,Teen,Nudist,Porn,Nude,Model,Pic,Family,Sex
,Orgy,Teen,Nudist,Images,Real,Voyeur,Sex,Little,Nudist,Worl,Young,Family,Nudism,Young,Lover,Nude,Young,Lip,Cams
,Family,Nudism,Teen,Nudist,Pics,My,Hidden,Cam,Tape,Sexy,Cam,Teens, ,Categorized,Galleries,Young,Hairy,Nudist,Young,Nudist,Friends,Scooby,Tube
,Family,Fucked,Nudist,Show,Pure,Teen,Nudism,Nudist,Sun,Freikorperkultur,Videos,Underground,Videos,Teen,Loca,TGP,Active,Voyeur,Teen,Nudist,Pics,Nudist
,Youth,Colony,Teen,Nudist,Tube,Nudism,Tube
,Nudist,&,Naturist,Girls,Lil,Nudist,Undies,Soshit,Naked,Cams,Young,Nudist,Movies,Teens,For,Free,Youngs,Photos,Young,Adult,Nudism,Young,Fuck,Family
,Teen,Nudist,Gallery,Naked,Girl,Videos,Young,Nudist,Girlies
,Teen,Nudist,Porn,Nude,Beaches,Too,Sexy,TGP,Teen,Home,Cam,Tube,Teenag,,Nudists,Lo,Teen,TGP,Young,Tribal,Nudes,Family,Nudist,Movies,Young,Nudist
,Club,Nude,Beach,Album,Lala,Naked,Teen,Ethnic,Tribal,Girls,Post,Your,Girlfriends, ,Young,Nudist,Fun,Naked,Teens,Teen,Naturism,&,Nudism
,Mom,Son,Bed,Family,Nudist,Movies,Bare,Family
,Nudist,Photo,Collection,Public,Flashing,Vids,Naked,Webcam,Videos,Teen,Nudist,Movies,Nudist,Collections,High,Quality,Nudism,The,Young,Nudist
,Nu,Photographer
,Naked,Teen,Videos,Young,Nudist,Play,Will,It,Hurt,African,Girl,Scans,Teen,Nudist,Girls,Group,Sex,Orgies,Low,Girl,Cams,Very,Good,Cams,Naked
,Ethnic,Girls,The,Young,Naturist,Nudist,Beach,Pure,Young,Nudism,Nudisteens,Naturism,Wife,Sex,Orgy,Hot,Fresh,Teens,Good,Nudist,Galleries
,Nudist,Teens,Big,Mature,Breasts,Nude,Beach,Photos,Vintage,Nudist,Videos,Naked,Wife,Videos,Moms,Nudist,Explosion,Thumbed,Nudism,Best,
Mature,Videos,Nude,Beauty,Girls,Public,PussyRacconti di incesto , animal sex , xxx porn , racconti , Storie di sesso incesto, racconti sessuali in famiglia, a scuola, in chiesa , sesso , pompini

Ultime ricerche

In pochi minuti mi è venuto in faccia!

L’unica certezza di quando arriva l’estate è la vacanza che io e il mio amico Marco non vediamo l’ora di passarle assieme.

Siamo amici fin dal liceo e ci siamo trovati subito in sintonia: ci piacciono i film dei super eroi, non ci piace molto andare a ballare ma beviamo volentieri qualche birra quando usciamo, quando si doveva studiare io gli davo una mano in matematica e lui me la dava in latino.

All’università abbiamo scelto facoltà e città diverse, ma almeno un weekend al mese ci si rivede e ci raccontiamo le nostre vite.
Quest’anno abbiamo deciso di visitare qualche isola della Grecia che non abbiamo ancora visto e ho chiesto a Marco di vederci domenica scorsa, entrambi tornati a casa dall’università, per iniziare a organizzare il viaggio e magari prenotare qualcosa.

KODAK Digital Still CameraPer essere Maggio è piuttosto caldo e lo ho accolto in pantaloncini e canotta. Lui era piuttosto vestito e infatti era leggermente sudato: pantaloni della tuta e una camicia aperta con sotto una tshirt verde.

Avevo portato il tablet e il pc sul balcone per sfruttare la leggerissima brezza e sentire meno il caldo così ci siamo seduti sulle sedie di plastica.

Dopo qualche aggiornamento sull’università gli chiesi come mai fosse così vestito essendoci 38 gradi. Mi rispose: “Non sono stato molto bene e mi è venuto uno sfogo qui sul fianco sinistro, mi prende anche un po’ della gamba.

Sta passando ma sto mettendo litri di crema e non posso espormi troppo al sole”.

Non era imbarazzato ma si vedeva che non voleva parlarne più di tanto, così cambiai discorso e iniziai a cercare qualche offerta su internet per la nostra vacanza.
Il caldo e il sole avevano la meglio sulla brezza e Marco era sempre più sudato, così spostai le ricerche in camera dove con l’aria condizionata accesa si stava decisamente meglio.

I miei genitori ci salutarono mentre stavano uscendo per raggiungere dei loro amici fuori città, così rimanemmo soli a casa.
Il fresco dell’aria condizionata invertì le parti tra me e Marco: io cercai una maglia da mettermi sopra alla canotta, Marco si tolse la camicia. Mi chiese qualcosa da bere e andai a prendere dell’acqua in frigorifero, era l’unica cosa rimasta in fresco.

Quando tornai in camera Marco si era tirato su i pantaloni fino al ginocchio, mi guardò sorridendo e mi disse: “Qui si sta meglio ma sto comunque morendo di caldo.

Ma non aumentare l’aria condizionata o ti congeli!”. Allora gli risposi: “Grazie, anche perchè non volevo tirare fuori una felpa.

Ma se stai morendo di caldo, spogliati pure, tanto non c’è nessuno in casa!”.
Distolse subito lo sguardo e si mise a ridere: “Magari tra un po’ lo faccio…”. Lo interruppi bruscamente: “Non preoccuparti, non mi scandalizzo per un po’ di irritazione, fai come se fossi a casa tua”.
Nessuno dei due ha mai avuto importanti relazioni con ragazze, al massimo erano durate 4-5 mesi. Per me erano sempre state una copertura, mi piacciono i ragazzi e li frequento di nascosto. Non mi sono mai dichiarato e a Marco non ho mai detto niente per paura che si allontanasse. Non abbiamo mai parlato molto di queste cose, non so bene perchè.
Dopo una mezz’ora di chiacchiere e controllo dei voli per la Grecia, Marco è andato in bagno ed è tornato con i pantaloni in mano: “Scusami ma ho visto che si sono tutti riempiti di crema, vedi queste garze si sono spostate e ora ho i pantaloni tutti unti”

Ci misi qualche secondo per dire qualcosa perchè ero incantata da lui in mutande e tshirt nella mia stanza. Lo tranquillizzai: “Se vuoi darti una lavata non farti problemi.

Poi ti presto io qualcosa da mettere, così almeno non ungi tutto in giro”. Ok, era una scusa, anche banale. Ma funzionò, si fece una doccia veloce e si ripresentò in camera in mutande.

Moro, capelli corti corti, quasi a zero, piuttosto magro e totalmente depilato. Gli slip rossi erano piuttosto ridotti e il pacco era messo ben in evidenza.

Provai a guardarlo negli occhi ma non ci riuscii e mi cadde il cellulare dalle mani. Mi inginocchiai per raccoglierlo e vidi i suoi piedi avvicinarsi.

Alzai la testa e mi disse, guardandomi dall’alto con il tuo pacco davanti alla mia faccia: “Secondo me vuoi provarlo. Oppure sono io che ho una mente piuttosto perversa?”.
Non me lo feci dire due volte, non potevo rischiare di farmi sfuggire questa occasione e mi spinsi verso il suo pacco, sentendo sulla mia faccia quanto era eccitato.

Mi mise una mano tra i capelli e mi accarezzò mentre con la lingua stavo bagnando tutti gli slip. Non riuscivo a pensare ad altro così gli abbassai le mutande per poter passare all’azione e sentii un colpo sulla faccia dato dal suo pisello durissimo liberato dalla gabbia di cotone.

Inutile dire quanto mi piacesse e fosse bello: la cosa che si nota subito è il calibro notevole, soprattutto su un corpo così asciutto, e ho dovuto spalancare la bocca al massimo per poterlo prendere senza toccarlo con i denti.

Appena le mie labbra e la mia lingua lo hanno assaggiato lui ha iniziato a gemere e io non l’ho più lasciato andare.

Ha iniziato a muoversi avanti e indietro tenendomi ferma la testa e in poco più di un paio di minuti ho sentito pulsare il suo pene durissimo e lo ha sfilato in un colpo solo lasciandomi con le lacrime agli occhi per lo sforzo e la mandibola indolenzita.

Alzai lo sguardo per intercettare i suoi occhi che erano socchiusi mentre si stava segando.

KODAK Digital Still Camera

KODAK Digital Still Camera

KODAK Digital Still Camera

Il tempo di pensare a qualcosa da dire e ho sentito un fiotto caldo arrivare sulla guancia destra e poi un altro sul naso e poi altri che sono andati tra i capelli e la fronte.

Rimasi immobile, passandomi la lingua sulle labra per assaggiare quello che stava ricoprendo il mio viso.
Marco, con il corpo ancora tutto teso e vibrante, mi guardò, mi accarezzò la testa e mi disse che ora entrambi avevamo bisogno di una doccia.

The post In pochi minuti mi è venuto in faccia! appeared first on .

Ultime ricerche

RACCONTI EROTICI: Padrona per una notte..

E’ venerdì sera. uscendo dal mio studiosto gia’ pensando che sono pronta a tutto, tranne che rincasare.
Stasera non mi va, stasera non torno.
Le mie figlie sono fuori e lui certamente sta già aspettando gli amici, per la solita notte di poker.
Faccio tutto con comodo; mangio qualcosa alla trattoria che hanno aperto da poco, a pochi isolati dal mio ufficio.
Il parcheggio è pieno, il locale stipato; tuttavia, io sono sola e quindi mi rifilano un posticino piccolo piccolo, nascosto dal classico frigo delle torte gelato.
Tutto è regolare, fin troppo, sino a quando la suoneria di un telefonino mi raggiunge.
Riconosco quella melodia, l’ho già sentita. Da chi, però?
Sbircio tra i tavoli e vedo mio cognato. E’ sua, quella suoneria.
Faccio per alzarmi, … mi accorgo appena in tempo che l’adorato cognatino non sta godendosi la compagnia di mia sorella.
La cosa non mi stupisce più di tanto. Nonostante sia mia sorella, sangue del mio sangue, l’ho sempre ritenuta una donna troppo mite; troppo docile, per come lui si propone. Aspetto quindi l’attimo nel quale lui si gira, per alzarmi, pagare il conto ed andarmene.
Vedere quella scena, però, non mi è assolutamente piaciuto, e, “Se mia sorella è una placida donna, io non lo sono affatto”,penso.
Ripercorrendo la via di casa, decido di chiamarlo. Con la sua voce al telefono, azzardo un “Disturbo?” e un “Dove sei?”
Lui dice “Non disturbi affatto, mia cara, sono ad una cena di lavoro”.
“Dev’essersi alzato in piedi”, penso, a giudicare dal silenzio assoluto attorno a lui.
Da bravo puttaniere, aggiunge “Sapessi che palle, ma sai com’è…”
“Certo, certo!”, gli do corda. “Non voglio trattenerti, volevo solo chiederti se domani mattina
vieni con me “alla soffitta”. Mi hanno chiesto di allestire il locale per la serata fetish e mi rompo , ad andarci da sola. Così mi son chiesta se…”
Neppure il tempo di finire il discorso, che già mi chiede quando vederci. Decidiamo per le 11, davanti al locale. Lo avviso che faremo tardi, probabilmente e che, alla soffitta, non c’è campo, e che il cellulare non prende.
“Non preoccuparti”, dice lui, “avviso Carla”.

Il locale, in realtà, deve essere pronto per la sera di lunedì, e solo io ho le chiavi del portone, e saranno ormai tre giorni che ci sto lavorando dentro.
Arrivo prima di lui, e lo avviso con un sms, dicendogli che non lo aspetto fuori.
Mi spoglio dei miei abiti e inizio a curare ogni mio dettaglio; indosso calze in latex nere, agganciate al reggicalze di un accattivante bustino nero intrecciato sul seno.
Le scarpe, altissime, sono rigorosamente lucide e nere
Ogni cosa ha questo colore; tutto, tranne il mio umore.
Slego i miei lunghi capelli, e mi trucco alla luce della lampada in bagno; fisso i miei occhi, riflessi dallo specchio.
Puntualissimo, lui suona. Mi affretto quindi ad abbassare le luci. La porta si apre, grazie al tiro posto sotto al bancone. Spunta in cima alla scalinata.
“Lucrezia!”
Rispondo “Scendi, sono giù. Aspettami sul palco!”
Grido, e i miei occhi lo osservano. So che ama il fetish. Lo lascio quindi salire sul palco, ad armeggiare con gli attrezzi… immagino che si stia eccitando.
Aspetto un altro po’, ma risalgo la scalinata e chiedo se può farmi da cavia.
“Cosa devo fare, dimmi?”
Mi siedo in un punto buio, e chiedo di indossare le polsiere della croce di Sant’Andrea.
Lui sorride, sembra quasi imbarazzato. Ma io so che lo vuole. Insisto; e, di certo, non fatico.
Il primo polso è agganciato. “Prova a mettere anche l’altro. Ci riesci?”
Lui risponde “E’ faticoso, ma non impossibile”. Di certo, l’eccitazione di quei momenti, lo porta a impegnarsi per agganciare anche la seconda polsiera.
“E… ed ora, spalanca le gambe, e dimmi se sei comodo. Descrivimi cosa provi”
Lui blatera qualcosa. Gli chiedo se è solito fare questo tipo di cose, o se fanno parte solo dei suoi sogni irrealizzati.
 “Ma che dici?”, mi risponde ridendo.
“Perché? Vuoi forse dirmi che mia sorella non ti permette queste cose?”
“No, non è quello, ma sai…”
Io allora inizio a scendere lenta la scala. Lentissima. Non mi vede ancora; io parlo e lui mi risponde.
Mentre scendo, azzardo un “…e così, tradisci mia sorella…”
In un tono perentorio, spara un “Certo che no”.
… mi fermo; predo dalla poltrona le mie fruste e continuo a scendere la scalinata.
Da come mi guarda, deve aver capito (o quantomeno, intuito) le mie intenzioni…
Accenno ad una mezza risata, dicendo che deve star tranquillo. Salgo finalmente sul palco
e mi trovo faccia a faccia con lui. Deglutisce a fatica, mentre, con il frustino, lo accarezzo tra le gambe. “Gradisci della musica?”.
Ma nemmeno aspetto la risposta; e già una musica blues accompagna il mio gioco.
Come una pantera, giro attorno alla croce, godendomi la sua espressione di curiosità e paura.
Mi fermo dietro a lui; le mie mani tirano i capelli verso me. “Mi fai male! Sei matta? Dai, smettila!”
“Oh no, non lo sono. La matta è mia sorella, ogni volta che ti crede!”
“Scusami , ma proprio non ti capisco. Se è uno scherzo, ti dico che sta diventando di cattivo gusto!”
“Ah, si??”
Torno davanti a lui, e prendo a slacciargli la camicia. Le unghie gli solcano il collo, fino ad arrivare al petto. So che non mi importerà nulla, di ciò che mi dirà. Delle preghiere che urlerà.
Con una mano afferro decisa i suoi coglioni, chiedendogli se li ha, e vuole essere così gentile da tirarli fuori.
“Slegami, liberami!”. Io lo rassicuro, “Tranquillo, lo faro”.
Il suo sesso ormai è duro, decido così di liberarlo. Passo la frusta sulla cappella e, ogni tanto, lo schiaffeggio. Passo la mia lingua, lenta, sul collo. Mordo i bordi delle sue labbra.
“Che ne dici, vuoi essere il mio cane?”
Gli faccio indossare il collare ed il guinzaglio. Scatto qualche foto.
“Mi spieghi, perché a me?”
“Semplice. Sono la parte peggiore di mia sorella. Sono ciò che lei non avrà mai il coraggio di essere. Ricordi quante volte mi ha detto che ero il suo opposto?”
E continuo. “Ed ora dimmi: ieri dov’eri?”
Lui dice “Ad una cena di ….”
La mia mano strinse nuovamente i coglioni.
“Dove, scusa?”
“Si, devi credermi”, arrendendosi ai miei desideri.

Inizio a slacciare la prima manetta dal suo polso. Cerca di scagliarsi contro di me.
“Stronza, sei una stronza!”
Scoppio a ridere e gli ricordo che la padrona sono io, e che non sarebbe facile spiegare certe foto a quella perbenista di mia sorella.
e dico “se devo essere sincera, nemmeno la serata di lavoro che hai trascorso, guarda caso, con quelle due puttanelle”
Il mio gioco prosegue
“…ed ora inginocchiati!”. Lui capisce che non scherzo. “Anzi, sai che ti dico? Spogliati, ed indossa quel paio di pants nere. Spicciati!”
Lui dice “Ma… ! Posso spiegarti…”
“Ti ho detto, spogliati”
Veloce si toglie ogni cosa, e lo ritrovo come il migliore dei cagnolini ai miei piedi.
“Ed ora vieni, andiamo a fare un giro per la sala”.
Salgo e scendo sulla gradinata per quasi 5 minuti, poi lo porto verso il bancone del bar. Riempio con dell’acqua il secchiello del ghiaccio e lo faccio bere come avrebbe desiderato il mio cane.
Seduta sullo sgabello, dondolavo la gamba. “Ehi cane! Ti piace la gamba della tua Padrona?”
“Certo, moltissimo!”. Lo colpisco con il piede, ricordandogli che era un cane e perciò non poteva parlare. “Avvicinati, ora”. Faccio così; due carezze sotto al suo mento, mentre lo accarezzo tra le gambe con la scarpa.
 “Se ti piacciono le scarpe della tua Padrona, potresti dimostramelo …del resto, ti manca solo la parola, questo si sa”. Non se lo fa ripetere.Inizia a passare la sua lingua lungo il tacco a spillo.
“Bravo, bene continua … mi piace vederti così!! Ti prometto che, quando avrai finito, avrai una ricompensa”. La sua lingua consuma le mie scarpe, sino ad eccitarmi. Mi diverto, a passare sui miei capezzoli e sopra la sua schiena, il ghiaccio del frigo bar. Vedo i brividi scorrere sul suo corpo e questo mi fa impazzire. “Ora stai fermo. Da bravo, stai seduto su due zampe”.
Mi siedo così, comoda sul bancone, e appoggiando i piedi sugli sgabelli, prendo a fargli vedere cosa sapevo fare con quel frustino. Non mi toglie gli occhi di dosso, la sua bocca quasi sbava. Io inizio a far scivolare il manico del frustino sotto lo string di latex, divertendomi a far schioccare gli elastici del reggicalze, a fargli ricordare che ciò stava vivendo, non era un sogno.
“Ora riprendi da bravo, a leccare”
Riparte così dal piede, ma, preso da un raptus di voglie, si ritrova presto con il viso tra le mie cosce.
“Ehi, ma come osi! Vergognati!”. Lo frusto più volte sulle natiche, per poi dirgli che, forse, ero stata troppo cattiva e che per farmi perdonare, gli avrei permesso di tornare con il suo muso tra le mie gambe. La sua lingua allora raggiunge la mia natura. “E’ bravo”, penso stronzamente. “Persino sprecato, per quella santa donna di mia sorella”.
“Voglio alzarmi, spostati!”. Come una cagna scodinzolo il culo vicino al suo viso.
“Che aspetti? Non mi vuoi?”. Come una furia, le sue mani mi prendono sui fianchi. Mentre lo string stava scivolando a terra, mi giro, mordendo la sua bocca e il suo collo.
Voglioso, finiva di liberare i seni dal bustino, mentre la mia lingua indecente lo cercava, godendo ad ogni suo cedimento.
“Forse mi aveva sempre desiderata”, penso.
Inizio a camminare, di nuovo, portandolo a 4 zampe, verso i divanetti. Metto al centro del salottino di specchi, e lo supplico di fare quel ciò che un cane avrebbe fatto.
Con violenza mi prende. Mi gira con il viso rivolto verso lo schienale. Sento finalmente mordere la mia schiena, il mio collo. Schiaffeggiare il mio culo; sembrava ed ansimava veramente come un cane.
Montandomi come un ossesso, avrebbe voluto dirmi tanto, lo sentivo. Ma sapeva che sarebbe stato peggio. Continuava così, in quel possedermi, sino a sfilarlo, e venirmi sulla schiena.
Era stato bravo, dovevo ammetterlo. Slaccio il suo collare e riprendo a salire la scalinata.
“Vai, sei libero” gli dico, mentre divertita gioco con la frusta.
Eppure…non sono ancora soddisfatta …

Ultime ricerche